facebook rss

Ruba in villa dell’avvocato Scaloni
e viene filmato dalle telecamere,
ladro preso in 48 ore

ANCONA - Denunciato per furto un 36enne. Ha scavalcato il cancello puntando alla jeep del figlio Maurizio. Poi è fuggito con poche decine di euro. La polizia lo ha trovato agli Archi
venerdì 20 gennaio 2017 - Ore 18:29
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

di Marina Verdenelli

Scavalca il cancello della villetta dell’avvocato Mario Scaloni, ad Ancona, e tenta di rubare l’auto del figlio. Sfumato il furto della vettura ruba i soldi trovati all’interno dell’abitacolo, poche decine di euro e fugge via nel cuore della notte. Passano due giorni e la polizia trova il ladro e la refurtiva denunciandolo per furto. E’ andata male ad un tunisino di 36 anni, pescatore saltuario che vive nel quartiere degli Archi, che nei giorni scorsi si è introdotto nel cortile privato dell’abitazione della famiglia Scaloni, a Posatora, puntando all’auto del figlio Maurizio, biologo, fratello di Alessandro, anche lui avvocato. Una jeep parcheggiata all’esterno dove dentro c’erano il telecomando di un cancello e un portamonete. L’extracomunitario è rimasto diversi minuti nella vettura, forse nel tentativo di metterla in moto pensando di aprire poi il cancello con il telecomando che era all’interno ma che in realtà non era di quella abitazione. Non riuscendo nel suo intento ha preso i soldi e un mazzo di chiavi che erano sempre all’interno ed è fuggito. Le telecamere esterne hanno ripreso tutto fornendo un valido aiuto alla polizia poi chiamata dalla famiglia per fare la denuncia. Gli agenti della squadra mobile diretta da Virgilio Russo hanno seguito una pista precisa e dopo due giorni hanno individuato il sospettato. Perquisita l’abitazione hanno trovato i vestiti usati la notte del furto. La polizia, nell’abito della stessa operazione, ha trovato in casa del 36enne anche un connazionale, di 27 anni, con una dose di eroina. Il giovane è stato segnalato alla prefettura come assuntore di stupefacenti e la droga è stato sequestrata.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X