facebook rss

Esplode bancomat della Bcc Filottrano:
banditi in fuga con banconote
macchiate di vernice blu

SANTA MARIA NUOVA - Il furto è stato messo a segno stanotte da un commando di tre uomini incappucciati che sono poi fuggiti a bordo di un'auto rubata nella zona con un bottino di 20-23mila euro. Sull'episodio indagano i carabinieri di Jesi
mercoledì 8 marzo 2017 - Ore 16:14
Print Friendly, PDF & Email

Il bancomat fatto esplodere alla filiale di Santa Maria Nuova della Bcc di Filottrano

Fanno esplodere il bancomat del Credito Cooperativo di Filottrano di Santa Maria Nuova e fuggono con un bottino di 20-23mila euro. Le banconote sono tutte tinte di vernice blu perché durante il colpo è scoppiato il sistema antifurto della banca. Un commando di 3 uomini, insieme a un probabile quarto complice che faceva da palo, ha fatto saltare stanotte lo sportello automatico di via Garibaldi, svegliando i residenti che, avvertito il boato, hanno subito chiesto aiuto alle forze dell’ordine. Sul posto, sono arrivati in tempi record i carabinieri di Santa Maria Nuova e del Nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Jesi.

I tre soggetti, tutti incappucciati, dopo aver oscurato la telecamera con una maglia trovata a bordo di un’autovettura, una Fiat Punto rubato in zona, e che hanno successivamente abbandonato in periferia, hanno fatto perdere le proprie tracce. Sono in corso le indagini. Alcuni testimoni li hanno visti allontanarsi per strada e poi salire sulla vettura.

Sul pavimento della banca sono rimaste tracce evidenti della vernice blu dell’antifurto che ha macchiato le banconote

Poco più tardi i carabinieri di Jesi sono accorsi a Moie dove è scattato l’allarme in un altro sportello bancomat. E’ il terzo assalto che viene messo a segno da una banda che utilizza la tecnica dell’esplosivo per far saltare le casse automatiche e che sembra abbia preso di mira gli istituti di credito presenti nell’area a cavallo tra lo Jesino e l’Osimano. Negli ultimi due mesi stati violati tre bancomat. (leggi l’articolo)

(m.p.c)

 

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X