facebook rss

“Avanti insieme”, nasce il comitato
pro Renzi delle Marche
Ceriscioli tra i componenti

CONGRESSO PD - Si è costituito nei giorni scorsi il coordinamento regionale a sostegno della mozione dell'ex presidente del Consiglio per la segreteria nazionale democrat
giovedì 30 marzo 2017 - Ore 19:57
Print Friendly, PDF & Email

L’ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi

 

Si è costituito nei giorni scorsi il coordinamento regionale della mozione Renzi per il congresso Pd 2017. A coordinare il gruppo, lo jesino Matteo Bitti, il presidente della Regione Luca Ceriscioli, la parlamentare maceratese Irene Manzi, il consigliere regionale Fabio Urbinati. Compito dell’organismo sarà quello di organizzare le iniziative ed il lavoro dei comitati locali a sostegno della candidatura di Matteo Renzi a segretario nazionale del Pd.
«Tanti sono gli amministratori locali, i rappresentanti istituzionali, gli iscritti, i volontari che hanno voluto aderire alla mozione Renzi – affermano dal comitato organizzatore – che in queste settimane sono coinvolti nella campagna congressuale che si concluderà il prossimo 30 aprile. Sarà un impegno importante ispirato alla volontà di rappresentare la pluralità di voci presenti nel nostro partito e che, all’interno del congresso, possono offrire un significativo contributo ideale ed operativo. Il nostro compito – proseguono – sarà quello di aiutare e sostenere l’impegno plurale di quanti si stanno impegnando, lavorando insieme con tutte le sensibilità che animano il nostro partito e sostengono il ticket Matteo Renzi-Maurizio Martina alla guida del Partito Democratico».
“Avanti insieme” è il titolo del documento congressuale che illustra i principali obiettivi della mozione Renzi-Martina, motivata nella costruzione di una società più giusta ed ispirata ai valori di solidarietà, uguaglianza, libertà. Obiettivi per il Paese da raggiungere con l’aiuto ed il supporto di un partito “pensante”, aperto, innovativo, costruito sul valore della partecipazione, ispirato a due parole d’ordine: unità e pluralità .

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X