facebook rss

Badante e vecchietto si picchiano
ma per legge è denunciata solo lei

FABRIANO - Nessuno dei due aveva sporto querela, ma il 73enne con una ferita all'avambraccio, era andato al pronto soccorso. I medici gli avevano prognosticato una lesione guaribile in 30 giorni e le indagini dei carabinieri sono partite d'ufficio
lunedì 10 Aprile 2017 - Ore 13:30
Print Friendly, PDF & Email

La lite tra badante e vecchietto finisce a botte ma ad essere denunciata, secondo la legge, è solo lei, una 49enne di nazionalità polacca da anni residente in Italia con regolare permesso di soggiorno. La donna lavora a tempo pieno, con vitto e alloggio, a casa di un fabrianese di 73 anni, nel quartiere Piano.

Una decina di giorni fa i due sono venuti alle mani all’interno dell’abitazione per motivi imprecisati, anche se da qualche tempo il clima del rapporti in casa si era deteriorato, come appurato dai carabinieri. Sembra che l’uomo fosse troppo esigente nelle richieste dei servizi domestici rivolte alla donna. Dalla parole, insomma, i due quel giorni sono venuti alle mani e nella colluttazione ad avere la peggio è stato l’anziano che ne è uscito con una ferita all’avambraccio.

Lui stesso ha chiesto l’intervento del 118 e poi è stato medicato al pronto soccorso del ‘Profili’. Dopo qualche ora di ricovero in osservazione, al termine degli esami diagnostici, i medici dell’ospedale di Fabriano lo hanno dimesso con una prognosi di guarigione di 30 giorni. La ferita non era profonda, l’anziano però soffre di una malattia che gli rallenta la coagulazione del sangue. Archiviata la parentesi tempestosa, i due sono tornati a casa a condurre la solita vita: la donna sta continuando a lavorare come badante, l’uomo a svolgere il ruolo di il paziente-datore di lavoro.

Nessuno dei due ha sporto denuncia per il fattaccio  ma considerato che le lesioni rilevate dai sanitari del ponto soccorso non sono lievi (per legge superano i 20 giorni di prognosi), le indagini sono partite d’ufficio. I medici hanno infatti inviato il referto ai militari coordinati dal capitano Mirko Boccolini, vertice della Compagnia carabinieri di Fabriano. E’ stato così aperto un fascicolo d’indagine ed  entrambi i protagonisti della vicenda, poco collaborativi, sono stati ascoltati. Dai rilievi è, però, emerso che la ferita sarebbe stata procurata al 73enne dalla badante che pertanto è stata denunciata per lesioni personali.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X