facebook rss

“Terapia iperbarica
difficile nelle Marche”,
la denuncia della Lega

ANCONA - I consiglieri del Carroccio tornano a chiedere chiarimenti al governatore Luca Ceriscioli sul "Centro Iperbarico polivalente" dell’ospedale, ancora inattivo
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

Inattivo il centro iperbarico polivalente dell’ospedale di Torrette, ad Ancona. La Lega Nord continua a chiedere spiegazioni alla Regione.

«Nelle Marche è difficile praticare la terapia iperbarica – scrivono i consiglieri regionali del Carroccio – a giugno 2016 avevano presentato una interrogazione proprio sul “Centro Iperbarico polivalente” dell’ospedale di Torrette di Ancona, che è stato istituito con legge regionale n°18 del 2000, per il trattamento di urgenze curabili con ossigenoterapia iperbarica, al quale però non è mai stata data attuazione». Stando alla Lega il presidente Luca Ceriscioli, a questa interrogazione, rispose in maniera insoddisfacente in quanto limitata ad una mera elencazione di dati. Nel mese di febbraio 2017 il gruppo Lega Nord ha presentato una mozione nella quale impegna il presidente e la giunta regionale a garantire ai cittadini delle Marche, entro il termine di 60 giorni dalla presentazione della stessa, la possibilità di usufruire delle prestazioni di medicina iperbarica o attraverso una gestione diretta, dotando il presidio ospedaliero di Torrette di Ancona di una idonea strumentazione. «Oppure attraverso una convenzione da stipulare tra l’Asur ed una struttura privata – continuano i consiglieri – che abbia le caratteristiche necessarie allo svolgimento del servizio stesso. Purtroppo però, tutto questo, sembra non interessare particolarmente il governo regionale, come tanti altri dei problemi inerenti la sanità. Infatti, la risposta alla mozione della Lega Nord, dopo tre mesi, deve essere ancora calendarizzata e discussa. Nel frattempo i marchigiani, che hanno bisogno di terapie iperbariche, sono costretti a sborsare migliaia di euro e quelli che non hanno tali disponibilità devono rinunciare a curarsi. E’ una vergogna».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X