facebook rss

Bimbi feriti alla materna,
l’Ufficio scolastico rifiuta l’ispezione

ANCONA – Il Miur ha risposto al primo esposto dei genitori del 30 marzo respingendo tutte le accuse. Ma nel frattempo sono avvenuti nuovi incidenti: una bimba è finita al pronto soccorso. Le famiglie minacciano proteste e denunce
venerdì 12 Maggio 2017 - Ore 20:17
Print Friendly, PDF & Email

 

di Federica Serfilippi

Bambini feriti in una classe della scuola materna, l’Ufficio scolastico regionale risponde all’ultimatum lanciato da un gruppo di genitori: l’ispezione richiesta per valutare la presunta mancanza di controllo da parte di una maestra non è mai avvenuta. Perché? Su indicazione della dirigente scolastica, la verifica è stata giudicata non necessaria dato che nella classe non si sarebbero mai verificati infortuni durante la permanenza in classe dell’insegnate in questione. Il contenuto della risposta è arrivato via mail questo pomeriggio alla mamma che, a nome degli altri genitori, aveva inviato il 30 marzo una lettera al Miur regionale, chiedendo tempestivamente un controllo sulle capacità di gestione della docente, sospettata di lasciare troppo liberi i bambini. La missiva era stata scritta dopo un prima segnalazione fatta alla preside, da cui era poi scaturito un incontro con la promessa di un sopralluogo. Dato che, secondo quanto riportato, le cose non erano cambiate dopo le comunicazioni, i familiari erano tornati a scrivere all’Ufficio scolastico il 5 maggio, sollecitandolo e chiedendo chiarimenti sul perché di tanto silenzio. Nel frattempo, una bimba lo scorso lunedì è caduta, battendo violentemente la testa proprio durante la presenza in classe della maestra. La risposta arrivata oggi fa dunque seguito all’esposto presentato a fine marzo. La decisione di non eseguire alcuna verifica sarebbe stata presa dopo una nota inviata il primo aprile dalla dirigente scolastica agli uffici competenti, non solo affermando l’assenza di incidenti nelle ore di lezione della maestra, ma che questa «era stata fatta oggetto di critiche spietate e a volte infondate» come si legge nella breve risposta inviata dall’Ufficio scolastico regionale. Prima dell’infortunio di lunedì, nessuna lesione era stata rilevata formalmente tanto da essere presa in carica dall’Inail. I genitori, però, più che sui possibili incidenti, hanno sempre puntato il dito contro la situazione di autogestione che si verificherebbe in classe. Da qui, la necessità di un controllo. Ora, valuteranno come muoversi per ottenerlo.

Bimbi feriti alla materna, genitori minacciano la sospensione dei figli dalle lezioni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X