facebook rss

Un sindaco per Offagna, stamattina
sala consiliare gremita per Capitani (Video)

VERSO LE ELEZIONI - Nella corsa affollata da tre sindaci, stamattina il candidato di 'Rinascita per Offagna' ha presentato il programma. Tra il pubblico anche l'avversario Danilo Pasqualini che con fair play ha stemperato ogni polemica dopo il deposito delle due liste con il nome identico
Print Friendly, PDF & Email
Elezioni comunali 2017, Ezio Capitani (Rinascita per Offagna) illustra il suo programma

Ezio Capitani con i candidati al consiglio comunale della lista civica Rinascita per Offagna

Sala consiliare di Offagna gremita di pubblico, stamattina alle 10, per ascoltare Ezio Capitani, il candidato a sindaco della lista civica ‘Rinascita per Offagna’. Nella corsa affollata da 3 aspiranti sindaci per un borgo con poco più di 1900 abitanti, Capitani ha chiarito subito di non essersi presentato in extremis nelle vesti dell’uomo provvidenziale, solo al comando e pronto a salvare il paese dalla catastrofe. Perchè per superare l’impasse del dissesto finanziario serve l’impegno corale di tutti. “Più che promesse di cose che faremo – ha rimarcato- noi abbiamo indicato un percorso che intendiamo perseguire, costruito sulle acquisizioni di informazioni sulla situazione dei conti attuale (abbiamo già chiesto un incontro con il commissario prefettizio e con il commissario liquidatore), e sulle possibili vie d’uscita. Ogni passaggio però lo concerteremo con i cittadini attraverso assemblee pubbliche che periodicamente convocheremo per spiegare anche come intendiamo agire. Fino alla decisione più estrema, qualora ce ne fosse bisogno, del referendum consultivo”.

I supporter di Capitani nell’aula consiliare di Offagna

Nel suo lungo curriculum di impegno amministrativo e politico, l’esponente di Sinistra Italiana che entra nell’agone elettorale senza colore politico, per 8 anni ha anche fatto parte della Commissione centrale della Finanza locale in rappresentanza delle Province italiane. “E’ la commissione che controlla i Comuni in dissesto – ha puntualizzato – Con questo voglio evidenziare che metterò a disposizione del nostro paese anche la rete di relazioni istituzionali che in tanti anni ho costruito”.

Quello che preoccupa di più il candidato e il gruppo di giovani e meno giovani che con lui aspirano a entrare in consiglio comunale (leggi l’articolo), è l’emorragia di servizi che Offagna, con i conti in sofferenza, non è riuscita ad arginare nell’ultimo anno. “Perdere una serie di vantaggi per i cittadini significa perdere innanzitutto la propria identità – ha sottolineato il ‘sindaco’ di Rinascita per Offagna- Sono stati chiusi nelle ultime settimane due sportelli bancari, sono a rischio i servizi socio sanitari. Sono a rischio i servizi scolastici e se si perdono i ragazzi alla scuola materna e alle elementari, si perde il contatto con la nostra identità, la coesione sociale”.

In primo obiettivo da perseguire, nella carenza di risorse, sarà quindi quello di lavorare “per potenziare la nostra ricchezza associativa. Offagna ha un patrimonio storico artistico straordinario ed ha un grande tessuto associativo. Insieme possiamo farcela e non solo per valorizzare il paese dal punto di vista turistico-culturale. In questo momento noi vogliamo soltanto dare un contributo, dateci tutti una mano”. Tra i candidati al consiglio comunale del team di Capitani, Fabrizio Spinsanti ha chiarito di essere entrato “in una squadra forte” da gregario piuttosto che come candidato sindaco (leggi l’articolo), perché “Ezio è l’uomo giusto” ed ha pertanto rafforzato la sua determinazione a candidarsi con senso civico, a vantaggio del paese.

Danilo Pasqualini

Tra il pubblico nell’aula consiliare, stamattina spiccava la presenza anche dell’ex sindaco Stefano Gatto (leggi l’articolo) e del candidato sindaco Danilo Pasqualini alla guida di una lista civica di area centrodestra che domani assumerà un nuovo nome con il deposito del logo alla commissione elettorale di Osimo (leggi l’articolo). Proprio Pasqualini, con fair play politico, ha stemperato ogni polemica dopo il deposito delle due liste con il nome identico ed ha speso parole positive perché “la campagna elettorale si svolga in maniera serena. Sono stato invitato e ci tenevo a venire – ha detto- La mia presenza è anche un segnale di rispetto verso gli avversari. Chi si è cimentato nella candidatura a sindaco in questa situazione successiva al commissariamento e alla dichiarazione di dissesto finanziario del nostro Comune, merita rispetto a prescindere dal risultato elettorale. Voglio insomma placare tutte le polemiche che ci sono state e proseguire con un clima rasserenato perché i cittadini vengano messi in condizioni di scegliere serenamente il sindaco e la formazione più adatta ad affrontare questa situazione difficile”. Un beau gest apprezzato da Capitani che oltre a condividere le parole dell’avversario, ha ricordato che dopo il responso delle urne ci sarà “una maggioranza e una minoranza. Ed è importante che collaborino”.

(m.p.c.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X