facebook rss

Ruba il metano alla vicina da un anno:
idraulico smascherato da fuga di gas

FABRIANO - I carabinieri hanno denunciato il 58enne per furto. La famiglia della porta accanto riceveva da mesi bollette con cifre da capogiro e aveva chiesto l'intervento dei tecnici dell'Italgas per verificare se ci fosse un guasto al contatore
martedì 16 Maggio 2017 - Ore 11:58
Print Friendly, PDF & Email

Il comando compagnia carabinieri di Fabriano

Ruba il gas per un intero anno alla vicina di casa ma i carabinieri lo smascherano. I guai per un idraulico di 58 anni, che abita alla periferia di Fabriano, sono iniziati una settimana fa quando l’uomo, avendo il sentore che la famiglia della porta accanto, vessata da maxi bollette del gas metano ormai da mesi, era ad un passo dalla verità, ha tentato di rimediare al fattaccio.  Ha cercato di cancellare le tracce della manomissione dei rubinetti del contatore sul balcone, proprio mentre la signora che abita sullo stesso pianerottolo del condominio ha inconsapevolmente acceso i fornelli della cucina, provocando un fuga di gas. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e una pattuglia dei carabinieri che hanno mandato a monte i piani del 58enne. Ora più di una persona gli presenterà il conto.

Pochi giorni prima era accaduto che la padrona di casa all’arrivo dell’ennesima bolletta con cifre da capogiro si era rivolta ai tecnici dell’Italgas, il gestore delle rete di distribuzione del metano, chiedendone l’intervento in loco per verificare se ci fossero guasti al contatore. La donna non avrebbe mai immaginato che a monte della vicenda ci fosse un prelievo fraudolento di gas. All’inizio della scorsa settimana i tecnici hanno svolto il sopralluogo non rilevando irregolarità. Intenzionati però a controllare anche gli impianti degli appartamenti vicini, hanno suonato  a casa l’idraulico, in quel momento assente. Qualcuno deve averlo avvertito che gli operai dell’Italgas sarebbero tornati e così in fretta e furia l’uomo ha tentato di rimediare, sistemando i fili dell’allaccio volante che partiva dal suo balcone per arrivare a quello della donna, allo stesso livello del palazzo.

Mentre lui armeggiava all’esterno, la donna accendeva il gas e dopo la fuga di metano sono arrivati i pompieri. Il locale ed il palazzo non sono stati evacuati ma il piano dell’idraulico è andato in frantumi. Gli uomini del capitano Mirko Boccolini, vertice della Compagnia carabinieri di Fabriano, hanno potuto appurare insieme ai vigili del fuoco la presenza di quell’allaccio abusivo per prelievi illeciti del gas. Ora, dopo la formalizzazione delle denuncia, è in corso la quantificazione del danno. La storia probabilmente durava da un anno ed i carabinieri non escludono che con questo escamotage ammonti a molte migliaia di euro il gas metano depredato e non pagato dal 58enne, tra l’altro non spinto a compiere il gesto dalla necessità, perchè risultato non moroso ma in regola con tutti i pagamenti pregressi delle bollette del gas intestate all’utenza della sua famiglia. I controlli dei militari si sono spinti fino al contatore dell’energia elettrica, ma in questo caso era tutto regolare.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X