facebook rss

I Rotary Club per il Salesi:
donata una “care station”

ANCONA – L’apparecchiatura consegnata oggi al primario di rianimazione Fabio Santelli dai service club di Ancona-Conero, Ancona, Ancona 25-35, insieme con la flotta Iyfr Adriatico Centrale e l’ombudsman delle Marche
mercoledì 28 Giugno 2017 - Ore 20:36
Print Friendly, PDF & Email

La consegna al dottor Santelli della apparecchiatura da parte dei club Rotary

A poco più di due mesi dalla manifestazione “Luigi Mariano in Concerto” che si è tenuta al Ridotto del Teatro delle Muse per la raccolta fondi, i Rotary club della città in sinergia con altre note realtà marchigiane raggiungono un altro traguardo: donare al reparto di rianimazione pediatrica una care station mobile. Il macchinario è stato donato stamattina al primario di rianimazione Fabio Santelli da parte di Andrea Nobili, Ombudsman delle Marche, Francesco Filoni past commodore cc., il presidente del club Rotary Ancona Jolanda Brunetti, il presidente del club Rotary Ancona-Conero Massimiliano Olivieri, il presidente del club Ancona 25-35 Gioele Mario Garzetti, l’assistente del governatore del Distretto Rotary 2090 Fabiola Fuggetti. La care station è un carrello corredato di computer portatile ed una unità remota di stampa connessi tramite wireless al sistema cartella elettronica informatizzata. Con la postazione mobile i medici, gli infermieri e gli stessi genitori dei pazienti potranno vedere sullo schermo del computer esami radiologici, esami ematici e tutti i parametri del monitoraggio cardio circolatorio e respiratorio dei singoli bambini ricoverati. La cartella clinica elettronica è il processo più importante in qualunque settore sanitario, sia esso pubblico che privato, ed oggi può essere completamente gestito in formato elettronico e digitale. “Ringrazio tutti coloro che, insieme a noi, hanno preso a cuore questa nostra nuova iniziativa – commenta il Presidente del Rotary Club Ancona Conero Massimiliano Olivieri – il nostro impegno e la nostra attenzione verso i piccoli ospiti della struttura non verrà mai meno. E siamo felici di poter constatare che intorno a noi ci sono persone e realtà pronte ad intervenire aiutandoci a realizzare quegli obiettivi a sostegno dei bambini meno fortunati”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X