facebook rss

Il Pd Marche perde il capogruppo,
Busilacchi passa a Mdp

POLITICA - Le motivazioni: "Distacco crescente dalla popolazione e dall'elettorato tradizionale" .Il segretario Democrat Comi ha incontrato il consigliere che gli ha comunicato la decisione: "Sono molto dispiaciuto".
lunedì 10 Luglio 2017 - Ore 13:02
Print Friendly, PDF & Email

Il capogruppo Pd in Consiglio regionale, Gianluca Busilacchi

Il presidente del gruppo consiliare del Partito Democratico della Regione lascia il partito e passa a Mdp Articolo 1. Una riflessione che  il consigliere, molto legato a Roberto Speranza, stava facendo da alcuni giorni, lasciando in sospeso gli interlocutori. Gianluca Busilacchi  ha dato l’annuncio in una conferenza stampa a Montecitorio con Roberto Speranza ed Arturo Scotto. “Le mie dimissioni – spiega Busilacchi – sono l’esito di una scelta meditata. Da un lato non vedo più nel Pd quei valori e quelle scelte che lo avevano contraddistinto nel 2007. Quel Pd non esiste più, è stato smarrito il senso di quel progetto, con un distacco crescente dalla popolazione e dall’elettorato tradizionale. Articolo 1 è l’unico soggetto in grado di portare avanti il progetto del centrosinistra, mentre nel Pd c’è solo il governismo, ed ogni giorno il partito dimostra di non credere nel valore della discussione ed ha assunto a metodo il settarismo di maggioranza”

Stamattina la decisione  è stata resa nota al segretario Democrat Francesco Comi che lo ha incontrato: «Dopo le richieste di chiarimento dei giorni scorsi, ho parlato a lungo con il consigliere Pd Gianluca Busilacchi che mi ha comunicato la decisione di aderire al Mdp. Ho spiegato a Gianluca di essere molto dispiaciuto sul piano personale per la sua scelta, dato che insieme abbiamo condiviso in questi anni molte battaglie e momenti importanti. Sul piano politico gli ho ribadito la mia delusione e contrarietà per quella che ritengo una scelta miope e divisiva. Domani mattina (martedì) parteciperò alla riunione del gruppo consiliare già convocato per provvedere alla sua riorganizzazione».

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X