facebook rss

Minacce al sindaco
di Ostra: solidarietà
dell’Anci e di Mangialardi

ANCONA - Dopo il gesto intimidatorio il presidente a nome di tutti i primi cittadini della Marche ha espresso sostegno all'amministrazione comunale Storoni: "E' stato un atto stupido". Solidarietà al sindaco anche dal coordinamento provinciale Mdp - Articolo 1. Leonelli: "Fatto preoccupante"
venerdì 21 luglio 2017 - Ore 16:02
Print Friendly, PDF & Email

Maurizio Mangialardi

Le minacce al sindaco Andrea Storoni ed all’amministrazione comunale di Ostra da lui presieduta sono un grave atto intimidatorio sul quale contiamo che le autorità facciano velocemente luce individuando i colpevoli”. Così Maurizio Mangialardi, presidente dell’Anci Marche, a nome anche del direttore Bedeschi, dei membri del consiglio direttivo e di tutti i sindaci delle Marche, ha espresso piena solidarietà al sindaco di Ostra (leggi l’articolo).

“Conosco il sindaco Storoni e so che è un amministratore prudente ed oculato. Ha fatto molto bene a denunciare ai carabinieri il gesto ma mi auguro che ne’ lui ne’ la sua giunta ritornino sulle legittime decisioni assunte. Chi contesta l’operato degli amministratori – ha aggiunto Mangialardi – ha tutti gli strumenti garantiti dalla legge per far sentire la propria voce ed il proprio dissenso. Ad Ostra è accaduto un atto stupido – ha concluso il presidente di Anci Marche – ma che non dobbiamo sottovalutare. Purtroppo sempre più spesso anche i social network stanno diventando strumenti per fomentare l’odio e l’intolleranza lanciando strali e accuse che potrebbero essere invece argomento di civile confronto come dovrebbe succedere in tutte le democrazie”.

Al sindaco Storoni arriva la soldarietà anche di Articolo 1 Mdp della provincia di Ancona. “La vicenda assume una evidente rilevanza politica in quanto, secondo notizie di stampa, sembra legata ad una polemica sulle modifiche alla viabilità predisposte dalla Amministrazione comunale, dopo che alcuni segnali di protesta si erano manifestati proprio nella sede del Consiglio comunale – scrive il coordinatore provinciale Gianfranco Leonelli -. Anche se le modalità della protesta assumono contorni quasi ridicoli, l’accaduto risulta però molto preoccupante, per il fatto di inserire a forza, nei rapporti presenti nel consesso comunale, un pericoloso segnale di imbarbarimento che sicuramente nuoce alla qualità della politica. Il Movimento di Articolo 1 della provincia di Ancona ribadisce la propria convinzione che la politica, per sviluppare le sue potenzialità, abbisogna da parte di tutte le parti in campo di correttezza e reciproco rispetto tra le forze protagoniste, al di là delle legittime diversità di opinioni e di prospettive”.
Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X