facebook rss

Si cala i pantaloni, orina e si masturba
in corso Garibaldi: denunciato

ANCONA - Il 27enne originario dell'Est Europa è stato sanzionato con una multa di 10mila euro e denunciato per ubriachezza molesta. Alla vista dei poliziotti ha tentato invano di far salire la cerniera lampo dei pantalon
venerdì 28 luglio 2017 - Ore 14:07
Print Friendly, PDF & Email

La volante della Questura in Corso Garibaldi, ad Ancona

 

Orina per strada e poi si masturba in pieno giorno su una panchina. E’ successo ieri verso le 13.15 in corso Garibaldi, ad Ancona. Tutto è cominciato con la telefonata al 113 fatta da un cittadino che avvisava gli agenti della Questura della presenza di quel giovane.  Incurante dei passanti, aveva abbassato i pantaloni urinando a cielo aperto in una viuzza adiacente a corso Garibaldi, mettendo in bella mostra le parti intime.

Immediatamente gli agenti intervenivano e raccoglievano il racconto e la descrizione dell’uomo per poi incominciare a pattugliare tutta la zona. Quasi alla fine di corso Garibaldi, i poliziotti intercettavano un individuo perfettamente rassomigliante a quello indicato il quale era comodamente seduto su una panchina intento a masturbarsi. Alla vista della Polizia, l’uomo, un cittadino extracomunitario originario dell’Est Europa, 27 anni, tentava inutilmente di far salire la cerniera lampo dei pantaloni che rimaneva incastrata tra le mutande e la T shirt. In un evidente stato di ebbrezza biascicava il proprio nome e cognome barcollando in cerca dei documenti che non riusciva  nemmeno a prendere dal suo borsello. Accompagnato in Questura veniva sottoposto ai rilievi fotodattiloscopici che ne rivelavano le esatte generalità e i precedenti di polizia.

Da un controllo emergeva che lo stesso non aveva mai rinnovato il permesso di soggiorno da oltre due anni. Dopo le formalità di rito veniva sanzionato per atti osceni in luogo pubblico (reato depenalizzato) per un importo pari a 10.100 euro. Veniva anche denunciato per ubriachezza molesta ed affidato all’Ufficio Immigrazione che sta valutando la sua posizione sul territorio nazionale.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X