facebook rss

Raffica di controlli:
identificate 176 persone
Multe e un 59enne indagato per furto

ANCONA - Un 42enne sanzionato perché trovato al volante mentre parlava al telefonino, un 31enne perché completamente ubriaco era salito fino alla Seggiola del Papa alla spiaggia del Passetto
lunedì 31 luglio 2017 - Ore 17:01
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Fine settimana “caldo” quello appena trascorso per gli agenti delle Volanti e per gli operatori del 113 della questura di Ancona: identificate 176 persone e 73 auto,  una decina le infrazioni al codice della strada contestate, un uomo indagato per furto e un altro sanzionato per ubriachezza.  Un’automobilista anconetano di 42 anni  a bordo della sua bellissima decappottabile era fermo ieri pomeriggio intorno alle 20 a un semaforo di piazza Rosselli guidando e parlando al telefono cellulare: braccio appoggiato sul finestrino e cellulare all’orecchio sinistro e l’altra mano sul volante. Di fianco gli agenti fermi anche loro al semaforo rosso. Incredibile, l’uomo pur avendo notato gli agenti continuava a parlare al telefono scattando subito quando il semaforo era diventato verde e fermandosi poco dopo a seguito dell’alt dei poliziotti. “Era una telefonata importante con la mia donna ” si è giustificato l’uomo, che è stato ovviamente multato.

 Sempre ieri pomeriggio, intorno alle 18, in un supermercato della Montagnola  era stato segnalato un uomo che, tentando di rubare alcuni profumi, aveva fatto scattare il sistema antitaccheggio. All’arrivo della polizia l’uomo, un tunisino di 59 anni, regolare sul territorio italiano, che nel frattempo aveva spontaneamente riconsegnato un paio di profumi, ha inscenato un malore. Lo stesso veniva comunque visitato da un medico del 118 ed indagato per il furto. Questa mattina, invece, verso le 11 circa, alcuni bagnanti della spiaggia del Passetto hanno segnalato al 113 la presenza di un uomo ubriaco che era salito fin sopra la “Seggiola del Papa” e che gridava frasi senza senso. Poco dopo intervenivano le “Mante” della questura che hanno rintracciato l’uomo nei pressi della Grotta Azzurra. Accompagnato in questura, l’uomo, un cittadino ucraino di 31 anni è stato sanzionato per ubriachezza.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X