facebook rss

La polizia scientifica porta
in piazza il suo Moving Lab

INIZIATIVA – E' nelle Marche il furgone laboratorio itinerante degli investigatori della polizia che spiega al pubblico come vengono effettuate le indagini più complesse per l'analisi delle scene del crimine. Il 3 settembre sarà ad Ancona alla Festa del Mare
Print Friendly, PDF & Email

Il Moving Lab della polizia scientifica

La polizia scientifica porta nelle piazze marchigiane il suo “Moving Lab”, il furgone laboratorio itinerante con tutti gli strumenti, i segreti e le tecniche utilizzati dagli investigatori per analizzare le scene del crimine. Dal controllo dei documenti nella banca dati al fotosegnalamento con linea wi-fi dedicata, dall’analisi di stupefacenti al rilevamento delle impronte, dal campionamento del dna e alla preparazione di identikit, si tratta di un vero e proprio ufficio operativo mobile della polizia scientifica. Uno dei due laboratori mobili allestiti finora dal Minsitero dell’Interno e dalla Direzione centrale anticrimine della polizia resterà fino al 3 settembre a disposizione del gabinetto interregionale di polizia scientifica Marche-Abruzzo, guidato da Massimiliano Olivieri. Domani il laboratorio itinerante sarà a Pesaro, il 24 a Pescara, il 29 a San Benedetto del Tronto e il 31 a Fermo, prima di concludere il suo giro ad Ancona il 3 settembre in occasione della Festa del Mare. La questura di Ancona ha in programma anche delle proposte di attività ludiche per i più giovani che, cimentandosi come piccoli operatori della scientifica, potranno sperimentare le tecniche di rilevazione delle impronte digitali o partecipare a giochi interattivi multimediali.

Da destra, la dirigente della squadra volante Cinzia Nicolini con il dirigente del gabinetto interregionale della polizia scientifica Massimiliano Olivieri illustrano le iniziative del Moving Lab

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X