facebook rss

Fosso Miano, residenti barricati
in casa contro gli odori
M5S: «Dal 2013 nessun intervento»

ANCONA – I miasmi provenienti dal letto del torrente sono stati denunciati in Consiglio comunale. Il sindaco: «Colpa della siccità, la pulizia della vasca compete alla Regione». La consigliera Gambacorta: «La vostra competenza sono gli anconetani»
giovedì 31 Agosto 2017 - Ore 17:27
Print Friendly, PDF & Email

Il fosso Miano, scavalcato dalla bretella dell’Asse Nord Sud

Miasmi e forti odori avvertiti a Vallemiano, residenti esasperati non ne possono più e chiedono l’intervento del Comune. Il fatto è stato denunciato in Consiglio comunale stamattina dalla consigliera M5S Maria Ausilia Gambacorta, che ha chiesto spiegazioni del fenomeno con una interrogazione al sindaco Mancinelli. “Il motivo del cattivo odore è il perdurare della siccità eccezionale che fa mancare al fosso l’acqua di ruscellamento. E’ in fase di completamento una perizia per la pulizia del fosso Miano e Conocchio, che sono di competenza della autorità idraulica regionale” ha risposto Mancinelli. Dura la replica di Gambacorta. “La situazione è nota dal 2013, quella volta si disse che la competenza era della Provincia, ma nulla è stato fatto per la pulizia del vascone. La vostra competenza sono i cittadini anconetani” ha instito la consigliera di opposizione innescando il botta e risposta con il sindaco. “Non abbiamo potere di vigilanza su quello che fanno gli altri enti” ha ribattuto Mancinelli. A concorrere al fenomeno insopportabile sarebbe anche il danno all’impianto di “profumazione” installato da anni: il dispositivo gestito dalla ditta Olicar che dovrebbe nebulizzare nell’aria un prodotto per neutralizzare i miasmi è guasto e fuori uso.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X