facebook rss

Schianto in via Conca:
si ribalta con l’auto (Foto)

ANCONA - L'incidente stradale tra una Citroen C3 e una Mercedes è avvenuto verso le 15 all'altezza dell'incrocio con via Esino. Nell'urto con l'asfalto i due coniugi osimani che viaggiavano nella utilitaria sono rimasti intrappolati nelle lamiere della vettura, poi tagliate dai vigili del fuoco per estrarli. Sono ricoverati a Torrette ma non in gravi condizioni
domenica 15 ottobre 2017 - Ore 15:12
Print Friendly, PDF & Email

Schianto a Torrette, una delle due auto in via Conca, all’incrocio con via Esino. L’incidente stradale è avvenuto verso le 15 di oggi e nello scontro sono rimaste coinvolte due vetture, una Citroen C3 e una Mercedes. Nell’urto con l’asfalto il tettino dell’utilitaria è stato danneggiato e per liberare i feriti dalla prigione di lamiere, i pompieri hanno dovuto tagliarlo con le cesoie. Sul posto per portare i soccorsi i due passeggeri della vettura una squadra dei vigili del fuoco e una pattuglia della polizia locale di Ancona con un equipaggio sanitario della Croce Gialla di Camerano.  La Mercedes era condotta da un anconetano di 81 anni, M.S., mentre al volante della Citroen si trovava un osimano di 53 anni, B.M., trasportato all’ospedale regionale di Torrette insieme alla moglie. Entrambi sono quasi miracolati perchè non sono in gravi condizioni ne’ in pericolo di vita. Secondo una prima sommaria ricostruzione della dinamica dell’incidente, la Mercede proveniva da via Conca, viaggiando in direzione centro. L’automobilista avrebbe dichiarato di aver attraversato l’incrocio con la lanterna verde del semaforo. Non è invece chiara nemmeno quale fosse la direzione di marcia della Citroen. Gli agenti della Pm di Ancona dovranno infatti ascoltare anche i due coniugi feriti prima di depositare il verbale con gli estremi del sinistro stradale. La strada è stata chiusa al traffico per permettere le operazioni di soccorso e di rimozione dei mezzi che non sono stati posti sotto sequestro.

(servizio aggironato alle 17.47)

(foto Giusy Marinelli)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X