facebook rss

Mariya si è tolta la vita
il giorno in cui è scappata di casa
Il fidanzato: «Vogliamo la verità»

CUPRAMONTANA - Secondo l'autopsia svolta questo pomeriggio all'ospedale di Torrette, la studentessa si è impiccata poco dopo essersi allontanata dall'abitazione di famiglia. Sul suo corpo non è stato riscontrato alcun segno di violenza. Per gli investigatori, il caso è chiuso
lunedì 16 Ottobre 2017 - Ore 19:58
Print Friendly, PDF & Email

Mariya con il cappotto beige che indossava il giorno della scomparsa

Mariya, la 19enne di Cupramontana trovata morta lo scorso venerdì, si è tolta la vita poche ore dopo essere scappata da casa. È quanto risulta dall’autopsia conclusasi pochi minuti fa all’istituto di Medicina legale dell’ospedale di Torrette e svolta dalla dottoressa Loredana Buscemi. Sul corpo della studentessa non sono stati riscontrati segni di violenza. Una sola lesione presente: la rottura di una vertebra del collo, conseguenza del gesto estremo compiuto dalla 19enne, trovata impiccata a un uliveto delle campagne del paese, dopo cinque giorni di ricerche senza sosta (leggi l’articolo) Non c’è nessun giallo, dunque. Secondo le risultanze dell’accertamento, Mariya sarebbe morta domenica 8 ottobre, il pomeriggio della fuga dalla sua abitazione. Erano state le telecamere dell’ufficio postale di Cupramontana ad immortalare per l’ultima volta la 19enne, ripresa mentre si allontanava dal paese correndo. Pochi minuti dopo sarebbe avvenuto il suicidio. Per gli inquirenti, il caso è chiuso. Non ci sarebbero elementi per poter pensare alla non volontarietà del gesto estremo a meno che, a conclusione degli accertamenti tecnici su computer e telefonino, non emergano nuovi particolari (leggi l’articolo). Al momento l’intenzione dello studentessa modello era quella di farla finita, dando voce a un disagio interiore mai raccontato davanti agli amici, alla madre o al fidanzato Francesco.

Da sinistra Sara, amica intima di Mariya e Francesco, il suo fidanzato

Il giovane, fin dal ritrovamento del corpo senza vita della 19enne, ha sempre stentato a credere all’ipotesi suicidio. Lo ha ribadito anche oggi, alla trasmissione ‘La vita in Diretta’, dove sono di nuove state mostrate le fotografie inquietanti arrivate sul cellulare dell’amica di Mariya, Sara, illustranti una mano con incisa una M (leggi l’articolo). In collegamento telefonico da Cupramontana, Francesco ha espresso tutti i suoi dubbi, sospettando che qualcuno possa aver plagiato la fidanzata. «Vogliamo tutti la verità» ha detto. Ma la verità  dei fatti è emersa tristemente venerdì, confermata oggi dall’autopsia. Dopo che la salma verrà sbloccata, la famiglia potrà preparare i funerali, già affidati all’impresa funebre di Cupramontana David & Pierangeli. Data e luogo ancora da fissare. Non è escluso che la mamma della 19enne possa decidere di portare il corpo in Ucraina, paese d’origine della studentessa.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X