facebook rss

Marcello Tavio nuovo presidente
della Società italiana
di malattie infettive e tropicali

ANCONA - Il direttore dell'Unità operativa di Malattie infettive di Ospedali riuniti ha ricevuto la nomina a conclusione del XVI Congresso dell'associazione. Riemersone di malattie che si pensavano scomparse, vaccinazione responsabile, nuove infezione le sfide future della Simit
sabato 21 ottobre 2017 - Ore 13:37
Print Friendly, PDF & Email

Marcello Tavio, nuovo presidente della Simit e direttore dell’Unità operativa di Malattie infettive di Torrette

 

Marcello Tavio, direttore dell’Unità operativa di Malattie infettive degli Ospedali riuniti di Ancona sarà il prossimo presidente della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit).
La nomina, a conclusione del XVI Congresso nazionale della Società, svoltosi a Salerno. La carica, in base alle norme statutarie, diventerà effettiva nel 2019, dopo due anni dall’assunzione del mandato. Il dottor Tavio, lombardo, con trascorsi presso l’Irccs Cro di Aviano (Pn) e l’Azienda ospedaliero universitaria di Udine, dirige le Malattie infettive ospedaliere dell’ospedale regionale di Torrette dal 2010.
La Simit è la società scientifica di riferimento per gli specialisti infettivologi ospedalieri e universitari di tutto il territorio nazionale. Tra gli scopi più importanti dell’associazione, promuovere e attuare lo studio delle malattie infettive in tutti i suoi aspetti e proporsi nello specifico come interlocutore privilegiato per i ministeri competenti e le autorità regionali.
Le malattie infettive, a causa della globalizzazione, i cambiamenti climatici, le migrazioni e anche per gli straordinari progressi ottenuti dalla medicina in altri campi, costituiscono oggi un argomento di grande interesse sia per la comunità scientifica che per l’individuo e la società civile. Basti pensare, per esempio, alla riemersione di malattie che sembravano dimenticate (come la malaria e la tubercolosi), all’emergenza di infezioni nuove e difficili da curare (come quelle sostenute dai cosiddetti super-batteri), e ai problemi etici e comportamentali inerenti alle malattie infettive contagiose (ad esempio la questione “vaccinazione responsabile”).

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X