facebook rss

“Con gli occhi di Bjork”:
storie balzane che narrano la realtà

ANCONA - Sarà presentato alla libreria delle Muse l'opera prima di Marcello Pesarini. Un'antologia bizzarra popolata da personaggi fantastici che provano ad indicare la via per un mondo più etico e giusto
Print Friendly, PDF & Email

La copertina del libro di Marcello Pesarini

 

Cinque anni di scritti e appunti, brevi racconti e storie, alcune della quali nate per gioco, racchiusi in un’antologia definita dalla stessa quarta di copertina “bizzarra”. Personaggi fantastici e surreali per narrare la realtà, osservata e vissuta. Storie di lotte sociali, per rivendicare diritti. Storie di amicizia. Nasce così “Con gli occhi di Bjork – Storie balzane ed altri racconti”, l’opera prima di Marcello Pesarini, edita da Affinità elettive e che sarà presentata domani (7 dicembre) alle 18 alla libreria delle Muse di Ancona. A dialogare con l’autore, Silvia Seracini, scrittrice e presidente dell’associazione Racconti di Città.

La voce narrante è quella della gatta Bjork, il cui sguardo coglie ciò che il suo padrone da solo non riuscirebbe a percepire: la storia di Yuri, bagnino cantastorie, le vicende di un ragazzo e un ciuco che avevano perso i loro nomi, e poi Anita, che si libera dal vino, dal marito e dai figli.

«Il volume raccoglie diversi racconti brevi e brevissimi che ho messo via nel tempo, molti dei quali scritti per partecipare al gioco Plot Machine di Radio1 − spiega l’autore Marcello Pesarini −. Raccontini che colpiscono, li definirei, che affrontano argomenti terrestri ma in maniera fantastica da personaggi che non esistono e che non possono esistere, ma che hanno in comune l’etica ed un lieto fine rispetto a quest’etica che per me non può che essere ispirata ai valori di uguaglianza, equità sociale, rispetto dei diritti dei più deboli».

L’autore del libro Marcello Pesarini

Valori a cui Pesarini si è sempre ispirato e si ispira nel quotidiano, nel suo impegno politico e sociale. Ecco allora che incontriamo lo spazzino che salva il suo antenato dall’oblio, l’Adriatico disinquinato dai camion sotterranei per opera di una disabile incontenibile, ma anche i vampiri che governano l’Api sconfitti da un operaio con l’aiuto degli antenati. Così, animali, homini e foeminae insapiens riusciranno forse a salvare la terra.

Nato a Viterbo, marchigiano da parte di padre, ha vissuto in otto diverse città italiane, per stabilirsi poi ad Ancona, città che ha iniziato ad amare grazie alla moglie Nicoletta, «compagna di vita e per l’occasione mia editor».

(A. C.)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page