facebook rss

Il sindaco Niccoletti
si prende cura
dei 18enni lauretani

LORETO – Presentata l'iniziativa 'Progetto Giovani' rivolta ai neo maggiorenni: a partire da giovedì prossimo una serie di incontri con le principali realtà cittadine per sviluppare un nuovo senso civico e di responsabilità. Si comincia con la visita all'Aeronautica Militare
Print Friendly, PDF & Email

Ben 252 lettere sono partite lo scorso 1 dicembre dal Comune di Loreto: una per ogni 18enne della città mariana. Le ha spedite il sindaco, Paolo Niccoletti che, insieme con il consigliere delegato alla famiglia Gabriella Cocchia, ha voluto chiamare a raccolta tutti i giovani lauretani nati tra il 1999 e il 2000 per coinvolgerli in un’iniziativa tanto necessaria quanto ambiziosa: una serie di incontri con le principali realtà cittadine per renderli più consapevoli e responsabili verso il mondo che li circonda.

Il sindaco di Loreto, Paolo Niccoletti

“Con Progetto Giovani – spiega Niccoletti – vogliamo soprattutto fornire ai nostri ragazzi gli strumenti necessari per entrare nel mondo degli adulti, ricordando loro che con la maggiore età non si raggiungono solo dei diritti, ma si assumono anche dei doveri. In un’epoca in cui sembra non esserci più alcuna differenza tra realtà e mondo virtuale, è fondamentale che anche le istituzioni si preoccupino di formare il senso civico dei ragazzi, un po’ come un tempo faceva il servizio di leva, ovviamente in modo più ‘laico’ e con i dovuti distinguo”. Intanto però il primo incontro del ciclo Progetto Giovani si terrà proprio in area militare: la prima delle realtà cittadine che i neo e prossimi maggiorenni incontreranno sarà l’Aeronautica Militare, giovedì prossimo (14 dicembre, ndr) alle ore 18.00. ‘Abbiamo riportato i giovani in caserma – scherza il sindaco – in realtà è un modo per avvicinarli alla conoscenza di un corpo militare punta di diamante nella formazione di uomini e donne dediti alla sicurezza del Paese’.

L’Areonautica Militare è solo il primo dei soggetti che hanno aderito all’iniziativa del Comune, realizzata in collaborazione con la Fondazione Opere Laiche Lauretane e con la Fondazione Cassa di Risparmio di Loreto: poi ci sarà l’incontro con la Protezione Civile, nel quale verranno spiegate le funzioni e le attività svolte, il Piano di Emergenza Comunale e come si svolgono le telecomunicazioni di emergenza. Quindi sarà la volta del Comitato Locale di Croce Rossa, con il quale si affronteranno i temi delle manovre cardiache in caso di soccorso d’emergenza, i rischi collegati alla sessualità non responsabile e la sicurezza stradale, con tanto di simulazione del circuito con ‘occhiali da ebbrezza’ per far capire ai ragazzi cosa significa mettersi alla guida con scarsa lucidità e cosa fare come primo soccorso in caso di incidente.

Loreto, palazzo comunale

E partecipano al progetto anche Avis, Admo e Aido: in tutto sette incontri da qui ai prossimi sei mesi, con chiusura ideale il 2 giugno 2018, festa della Repubblica in cui tradizionalmente il Comune dona copia della Costituzione ai neo 18enni: “Auspichiamo che Progetto Giovani continui anche l’hanno prossimo – spiega il consigliere delegato alla famiglia Gabriella Cocchia – anche coinvolgendo nuovi partner e associazioni che vogliano dare un contributo formativo ai ragazzi. L’obiettivo è fornire loro non solo nozioni, ma anche strumenti pratici reali per affrontare le situazioni, anche gravi, che potrebbero incontrare sui loro passi: dai rischi della strada a quelli delle malattie sessualmente trasmissibili, fino alle manovre di primo soccorso e l’importanza di donare il sangue e gli organi. Vogliamo renderli formati ed informati, in modo che non capitino più episodi drammatici come a Barcellona la scorsa estate, quando un ragazzo è morto dopo un’aggressione in discoteca mentre i suoi compagni erano impegnati a scattare foto con il telefonino”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X