facebook rss

Tenta di investire il padre poi
lo tramortisce con una falce:
22enne arrestato per tentato omicidio

FALCONARA - Sarebbero stati degli screzi pregressi a far scatenare la follia del giovane che in tutti modi avrebbe tentato di uccidere il genitore. Solo l'intervento dei carabinieri ha messo fine alla bagarre
domenica 7 Gennaio 2018 - Ore 21:56
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Prima, per ben due volte, avrebbe tentato di investire con l’auto il padre. Poi, svanito il piano iniziale, lo ha colpito violentemente con una falce, mandandolo al pronto soccorso. È la sequenza del tentato omicidio avvenuto questa mattina a Falconara, in via Fiumesino. A risolvere la situazione e a evitare il peggio è stato l’intervento dei carabinieri della Tenenza locale che hanno bloccato l’aggressore, un 22enne residente a Chiaravalle, stringendogli le manette attorno ai polsi. Il padre, un 61enne operaio di Montemarciano, è invece finito in ospedale. Per lui la prognosi è di 20 giorni. Domani mattina, il figlio comparirà in tribunale per la convalida dell’arresto. Secondo i primi riscontri, sembra che tra i due ci fossero dei problemi pregressi. Vecchi screzi che sono esplosi questa mattina. I due si trovavano in via Fiumesino. Una parola di troppo ha scatenato la reazione del 22enne, disoccupato e già noto alle forze dell’ordine. Il giovane avrebbe tentato di mettere sotto il padre con una Fiat Punto. L’uomo si è salvato fuggendo e trovando rifugio in un terrapieno. A quel punto, il figlio sarebbe sceso dall’auto per colpire il genitore con una falce, indirizzando l’attrezzo contro la testa del 61enne. L’azione del ragazzo è stata interrotta prontamente dai militari, chiamati dai residenti della zona che avevano assistito alla lite. Una volta tratto in arresto il giovane, i carabinieri hanno ispezionato l’auto. Oltre alla falce, è stato posto sotto sequestro un coltellaccio da cucina. Il giovane, attualmente recluso in una cella di sicurezza della caserma, è accusato di tentato omicidio, lesioni aggravate e porto ingiustificato di armi da taglio.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X