facebook rss

Blitz a casa dell’inserviente,
i carabinieri scoprono
il market dello spaccio

OSTRA – In arresto un 33enne che aveva allestito un bazar della droga: sequestrate sostanze per un valore di 15mila euro
Print Friendly, PDF & Email

 

Aveva allestito un market per lo spaccio di vari tipi di droghe all’interno di una normale abitazione a Pianello di Ostra, sull’Arceviese, il 33enne marocchino arrestato ieri sera dai carabinieri del nucleo operativo di Senigallia con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’attività investigativa dei militari ha portato al sequestro di 32 grammi di cocaina pura, 25 grammi di hashish e quasi 1 chilo di marijuana, che sul mercato della droga avrebbero fruttato circa 15mila euro. I carabinieri di Senigallia, in abiti borghesi, da qualche giorno stavano seguendo i movimenti del marocchino. Ieri sera lo hanno atteso all’uscita dal lavoro a Corinaldo, dove svolgeva mansioni di inserviente in una casa protetta. Mentre riprendeva la sua auto, i militari, appostati nei pressi, lo hanno bloccato accompagnandolo a casa dove hanno eseguito una perquisizione. Inizialmente il marocchino aveva cercato di eludere il controllo fornendo ai militari un altro indirizzo, relativo ad una precedente residenza. I militari invece, senza dirgli nulla, lo hanno condotto davanti a quella che sapevano essere la sua effettiva abitazione. Il marocchino, avendo intuito che probabilmente i carabinieri sapevano già qualcosa, non ha opposto più nessuna forma di resistenza ed anzi ha ammesso di detenere droga in casa e spontaneamente ha condotto i militari, prima nella sua camera da letto dove da sopra al comodino ha prelevato un cofanetto contenente un involucro grande e due dosi già pronte per lo smercio di cocaina e la somma in contanti di 775 euro anche in banconote di piccolo taglio, poi ha accompagnato i carabinieri in giro per l’intera casa dove sono stati recuperati altri involucri di marijuana e due ovuli di hashish, due bilance elettroniche di precisione e due telefoni cellulari. La perquisizione è stata infine estesa anche alle pertinenze della casa, in un vano adibito a deposito attrezzi. In particolare all’interno di un contenitore per la raccolta dei rifiuti di plastica i carabinieri hanno rinvenuto un grosso imballo di cellophane, pieno di marijuana pressata, dal peso di 950 grammi. Il marocchino è stato condotto in caserma dove è stata eseguita la pesatura e la campionatura dei vari tipi di sostanze. Il 33enne marocchino, titolare di carta di soggiorno, è stato dichiarato in arresto. Dopo le formalità di rito, su disposizione del pm è stato sottoposto alla custodia cautelare in carcere a Montacuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X