facebook rss

Oscurano le telecamere, fanno esplodere
il bancomat e fuggono con 50mila euro

JESI - Quartiere vicino all'ospedale Carlo Urbani svegliato alle 3.15 di stanotte dal boato prodotto dalla deflagrazione. La banda di professionisti in fuga su un'auto. Indagano i carabinieri
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

E’ durato una manciata di minuti l’assalto al bancomat della filiale Ubi-Banca di piazza Vesalio a Jesi, consumato stanotte attorno alle 3.15. La cassa blindata è stata fatta deflagrare con l’utilizzo di esplosivo che l’ha aperta ed ha anche svegliato il quartiere vicino all’ospedale ‘Carlo Urbani’. Qualcuno ha visto fuggire un’auto nella notte. L’atm era stato caricato per il week end ed il bottino ha fruttato circa 50.000 euro di banconote alla banda di professionisti che, prima di entrare in azione, ha oscurato le telecamere del sistema di video sorveglianza interno dello sportello dell’ex Banca Popolare di Ancona. Sono in corso le indagini a cura dei carabinieri della stazione e del Nucleo operativo che visioneranno i filmati della spycam, pubbliche e private, accese nella zona. I militari avrebbe comunque assunto le testimonianze di chi avrebbe visto fuggire su una vettura almeno 3 uomini. L’ultimo colpo, in ordine di tempo, ai danni di un bancomat messo a segno in provincia con modalità operative analoghe, era avvenuto a Castelleone di Suasa, lo scorso 14 febbraio.

Castelleone di Suasa, esplode bancomat: banditi in fuga con 25mila euro

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page