facebook rss

Giornate Fai di primavera,
sabato e domenica tesori aperti ai cittadini

CULTURA - A Fabriano, Genga e Sassoferrato possibile visitare siti di pregio con visite guidate 150 apprendisti ciceroni, tra cui il teatro Gentile, il museo speleo-paleontologico e il mulino del ponte Capo del Piano. In tutte le Marche saranno 75 siti culturali aperti.
lunedì 19 Marzo 2018 - Ore 17:57
Print Friendly, PDF & Email

il Teatro Gentile di Fabriano

 

Mulino del Capo del Piano, Sassoferrato, ph. Spoletini- local guide google

 

Le giornate del Fai di primavera che coinvolgeranno Fabriano, Genga e Sassoferrato porteranno chiunque sia interessato a scoprire tesori normalmente chiusi al pubblico. In tutte le Marche saranno 75 siti culturali aperti e 3600 i ciceroni disponibii a illustrare le bellezze del Fai. A Fabriano si “metterà a frutto” la passione e conoscenza di 150 alunni del liceo scientifico, del classico, del turistico ed artistico, preparati dai rispettivi insegnanti, per fare da “apprendista Ciceroni” nelle visite di sabato 24 e domenica 25 marzo. A Fabriano al centro dei tour curati dal Fai ci saranno: il Teatro Gentile, la cui visita sarà seguita dai ragazzi del Liceo Classico “Stelluti”, da quelli del liceo scientifico “Volterra”, da quelli del Liceo Artistico “Mannucci” e dall’Istituto “Morea” ad indirizzo turistico. A Genga: il museo speleo-paleontologico fossile di Ittiosauro e il ponte romano, che unisce San Vittore delle Chiuse a Pierosara (un tempo Castel Petroso). A Sassoferrato il fiume Sentino, i torrenti Marena e Sanguerone, il Mulino del ponte Capo del Piano, in fase di restauro, con la vicina fornace.

Giornate Fai di Primavera, ecco i luoghi da visitare (Video)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X