facebook rss

Malore in casa davanti ai nonni,
muore bimbo di 7 anni

ANCONA - Inutile il trasporto d'urgenza al pronto soccorso del Salesi, dove il piccolo è già arrivato in arresto cardiaco, dopo essere stato intubato. Il minore si è sentito male mentre era in casa, a Camerano. Sembra che da giorni non stesse bene
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale  Salesi

 

di Federica Serfilippi

Si è sentito male mentre stava a casa con i nonni. Febbre alta e difficoltà a respirare gli hanno fatto perdere conoscenza. La situazione è degenerata in un attimo, a tal punto che il suo cuoricino ha smesso di battere all’improvviso.  Tutti i tentativi di salvargli la vita sono stati vani. È morto senza un apparente motivo, almeno per ora, il bimbo di 7 anni di Camerano che questo pomeriggio ha accusato un malore che non gli ha lasciato scampo. Il piccolo, che vive con i genitori in via Pacinotti, è arrivato all’ospedale pediatrico del Salesi già in arresto cardiaco. Probabile che per capire le cause della morte la procura disponga nelle prossime ore l’autopsia sul corpo del piccolo. Stando ai primi elementi emersi, il bimbo accusava segni di malessere, febbre e nausea già da alcuni giorni. Questo pomeriggio, attorno alle 16, la tragedia.  È accaduta quando in casa c’erano i nonni del minore. Il piccino, con febbre altissima, ha iniziato a respirare malamente, sempre più con maggiore fatica. L’allarme è stato lanciato immediatamente dai nonni e una squadra della Croce Gialla di Camerano si è portata sul posto. Quando sono entrati nell’appartamento, le condizioni del bimbo erano già critiche. È stato subito deciso il trasporto d’urgenza al Salesi. Ma dentro l’ambulanza, i parametri vitali si sarebbero compromessi. Il tutto per tutto è stato tentato quando il mezzo del 118 si è fermato in una piazzola all’altezza del vivaio Ciavattini, alla Baraccola, per permettere l’intervento dell’automedica e dell’elisoccorso, allertato dalla centrale operativa. Il massaggio cardiaco, l’intubazione e poi la corsa disperata all’ospedaletto. Niente fa fare. Il piccino non si è mai ripreso. Quando ha varcato la soglia del pronto soccorso, era già morto. La direzione sanitaria degli Ospedali Riuniti è stata subito informata dell’accaduto. Attraverso una nota ha fatto sapere che “le cause del decesso, al momento, permangono sconosciute”.

(servizio aggiornato alle 20.36)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X