facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Quasi quarant’anni di sentenze:
va in pensione il giudice Giombetti

ANCONA - Termina oggi il lavoro di uno dei magistrati più longevi del tribunale dorico. La sua carriera è iniziata nel 1980 come pretore del tribunale di Chioggia. Poi, il ruolo di giudice nelle Marche
Print Friendly, PDF & Email

Il giudice Paolo Giombetti

 

A giugno spegnerà 65 candeline, alle spalle 38 anni di servizio, quasi tutti passati nelle aule dei tribunali marchigiani. Da domani, il giudice Paolo Giombetti sarà in pensione. Stamattina è stato l’ultimo giorno di lavoro al Palazzo di Giustizia di corso Mazzini, dove era arrivato nel 2013 dopo aver prestato servizio ai tribunali, ora non più in funzione, di Jesi, Osimo e Fabriano. Il magistrato originario di Senigallia non ha chiuso però la carriera ascoltando testimoni o emettendo sentenze. Oggi, infatti, i penalisti hanno scioperato a causa della mancata riforma dell’ordinamento penitenziario. Meri rinvii, quindi, per uno dei giudici più longevi delle Marche e apprezzati dagli avvocati. Giombetti, prima di ricoprire la figura lasciata oggi, era stato nominato pretore al tribunale di Chioggia (Venezia). Qui è iniziata la sua carriera nel 1980. Per gran parte della sua vita ha svolto il ruolo di giudice monocratico. In rare occasioni ha fatto parte di un collegio penale. Una delle sue ultime sentenze ha riguardato il caso dei presunti maltrattamenti alla scuola primaria speciale legata al Bignamini-Don Gnocchi di Falconara Marittima che vedeva a processo due insegnanti (leggi l’articolo), entrambe condannate per il reato di abuso dei mezzi di correzione. Da domani si dedicherà a tempo pieno ai suoi hobby: la campagna e il restauro di mobili e ceramiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X