facebook rss

Basta vandali e danneggiamenti:
l’officina pubblica le foto
del ‘branco’ su Facebook

SENIGALLIA – Esasperato e amareggiato per l’ennesimo raid avvenuto stanotte, dopo aver contato i danni su bottiglie rotte, cassette della posta prese a calci e colonnine antincendio con le manichette srotolate, il titolare della concessionaria ‘Ruggeri Motori Marini’ si è rivolto ai carabinieri di Senigallia. Poi ha condiviso su Facebook i fotogrammi delle telecamere con i volti degli autori del gesto, tutti giovani, chiedendo aiuto alla Rete per identificarli
Print Friendly, PDF & Email

Il gruppo di ragazzi che si è divertito a danneggiare oggetti all’esterno dell’officina Ruggeri Motori Marini di Senigallia, incuranti delle conseguenze del gesto

Dopo aver subito l’ennesimo raid notturno dei vandali e aver sporto una denuncia-querela ai carabinieri di Senigallia, pubblica le foto sui social media del ‘branco’ di giovani che nella tarda serata di ieri si è divertito a creare nuovi danni sul piazzale esterno della sua officina. E’ quanto ha deciso di fare il titolare della concessionaria ‘Ruggeri Motori Marini’ di Senigallia, esasperato e amareggiato per l’ultima impresa di un nutrito gruppo di giovani messa a segno ai danni dell’attività che si affaccia sulla Strada della Bruciata, al Cesano.

“Questi sono i vandali che il sabato sera distruggono tutto cio’ che trovano davanti alla nostra officina. – ha scritto il concessionario nel suo post di commento ai fotogrammi – Stamattina oltre alle foto delle bottiglie rotte, alle cassette della posta prese a calci e alle colonnine antincendio con le manichette srotolate, metto anche le loro su Facebook. Se qualcuno riconosce i colpevoli, ne saremo grati”. E mentre la denuncia shock rimbalza nella Rete, i carabinieri di Senigallia sono già in possesso delle immagini ad alta definizione che ritraggono bene i volti ma anche i numeri di targa dei mezzi sui quali, il gruppetto si è allontanato dall’area. Le indagini sono avviate e dovrebbero presto portare all’individuazione degli autori del gesto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X