facebook rss

Si separa dal marito e scappa
in Germania con il figlio:
30enne condannata

ANCONA - La donna era finita a processo per sottrazione internazionale di minore dopo la denuncia dell'ex coniuge. Per lei, questa mattina, è stata stabilita una pena di 8 mesi di reclusione
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale di Ancona

 

A un mese dall’udienza di separazione dal marito in tribunale, aveva preso il loro figlioletto di tre mesi per portarlo in Germania senza il consenso del padre. Per quel gesto, una 30enne romena è finita sotto processo per sottrazione internazionale di minore. Questa mattina, il giudice l’ha condannata a otto mesi di reclusione, pena sospesa. L’ex marito della donna, un chiaravallese di 38 anni, non si è voluto costituire parte civile. Stando a quanto ricostruito, la donna aveva preso il bimbo il 17 marzo del 2016. Sarebbe dovuto stare con lei solo qualche giorno, secondo la norma stabilita dal tribunale in fase di separazione dei genitori. Invece, la 30enne aveva portato il bimbo in Germania e qui era rimasta per quattro mesi. Alla fine, era dovuta tornare in Italia dopo la decisione espressa dal tribunale tedesco che aveva stabilito l’immediato rimpatrio di mamma e figlio, pena l’arresto della romena. Era stato l’ex marito dell’imputata a rivolgersi alla giustizia della Germania affidandosi ad una onlus con base a Milano. L’uomo aveva potuto riabbracciare il minore solamente ad agosto del 2016. Nel frattempo che iniziasse il processo, alla romena è stata anche tolta la potestà genitoriale. Da parte della difesa, rappresentata dall’avvocato Alessio Giovanelli – quasi sicuro il ricorso in appello.

Strappa via il figlio all’ex marito ed espatria in Germania: 30enne finisce a processo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X