facebook rss

Colta da malore, cade nell’orto:
69enne muore a Torrette

CORRIDONIA - Non ce l'ha fatta Maria Teresa Sagripanti, la donna che questa mattina era stata soccorsa dall'eliambulanza dopo l'allarme lanciato da un bambino che aveva sentito delle grida provenire da un campo in via Niccolai. Il ricordo del sindaco Cartechini
Print Friendly, PDF & Email

 

L’intervento dei soccorsi in via Niccolai

 

di Marco Cencioni

E’ morta all’ospedale di Torrette Maria Teresa Sagripanti, 69 anni, la donna che questa mattina è caduta nell’orto intorno alla sua abitazione in via Niccolai (leggi l’articolo). Con ogni probabilità ha accusato un malore ed è poi finita a terra, procurandosi una ferita alla gola. Dopo la rianimazione avvenuta sul posto, ed effettuata dagli operatori dell’emergenza, è andata di nuovo in arresto cardiaco una volta giunta a Torrette con l’eliambulanza: vane le manovre dello staff medico del pronto soccorso per salvarle la vita, è morta pochi minuti dopo. E’ stato un bambino a sentire, intorno alle 11, le urla della donna e ad allertare i soccorsi. 

Maria Teresa Sagripanti era nel campo intorno alla sua abitazione, in via Niccolai, una zona dove c’è una scarpata abbastanza ripida e nascosta. Quando è arrivato sul posto l’ha trovata distesa a terra, ferita alla gola. Il bambino ha così chiesto aiuto e sono subito arrivati 118, Croce verde di Monte San Giusto e carabinieri. La 69enne donna era semicosciente, poi è andata in arresto cardiaco. E’ stata rianimata e caricata sull’eliambulanza, quindi trasferita a Torrette. E’ morta al pronto soccorso dell’ospedale di Ancona, in seguito ad un nuovo arresto cardiaco. Inutili i tentativi dei medici.

La notizia della tragica scomparsa si è rapidamente diffusa in città nel pomeriggio. Maria Teresa Sagripanti era molto conosciuta, la sua famiglia stimata ed apprezzata a Corridonia. Lei aveva lavorato come dipendente di banca alla Carifermo e ora era in pensione e poteva dedicarsi ad una delle sue passioni, la cura dell’orto e del suo giardino. Il marito, Giuseppe Orlandi, lavorava in un laboratorio di analisi dell’Asur ed è conosciutissimo in città. E’ stato presidente del consiglio comunale nella prima legislatura Calvigioni ed è nel direttivo del centro sociale per anziani.

«Affabile, che viveva con partecipazione la vita sociale della città – è il ricordo del sindaco Paolo Cartechini – Maria Teresa era benvoluta da tutti. Con il marito sarebbe dovuta partire a breve per una gita in Polonia organizzata dal parroco: quello che è successo è una vera disgrazia che ha colpito la nostra città, a nome di tutti porgo le più sentite condoglianze alla famiglia». La donna lascia anche un figlio. Il funerale verrà fissato nei prossimi giorni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X