facebook rss

Cgil, Cisl e Uil appello ai deputati
per lo sblocco dei fondi periferie
alla Camera

ANCONA - Bastianelli, Mancinelli e Marini preoccupati sulle conseguenze per la città del taglio dei finanziamenti. «Non si può interrompere la riqualificazione urbana»
giovedì 9 agosto 2018 - Ore 16:00
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra il segretario Cisl di Ancona, Alessandro Mancinelli ed il segretario Cgil Ancona, Marco Bastianelli

«Preoccupati per le conseguenze per la città di Ancona dallo stop al fondo periferie deciso dal Senato con un emendamento al Milleproroghe». Queste le parole dei segretari Cgil, Cisl e Uil Ancona, Marco Bastianelli, Alessandro Mancinelli e Andrea Marini che aggiungono: «Le ripercussioni per Ancona sarebbero molto pesanti con una perdita secca di 12 milioni dallo Stato e la messa in discussione di progetti fondamentali per la riqualificazione urbana. Nuovo ingresso al parco di Posatora, Autostazione al Verrocchio, ex Iacp di Via Marchetti, piazza del Crocifisso, viale d’accesso agli Archi, via XXIX Settembre, tutti progetti che si dovevano concludere entro il 2021. Già in campagna elettorale − proseguono − ci eravamo espressi favorevolmente su progetto “Palombella –Archi”, per riqualificare aree centrali del tessuto urbano e dare nuovo protagonismo a quartieri che vogliono vivere a pieno l’idea di rinascita della città. Ora, davanti a questa inattesa difficoltà, chiediamo l’impegno di tutte le forze politiche che hanno a cuore lo sviluppo della città per la tempestiva correzione del provvedimento alla Camera dei deputati, e diciamo all’amministrazione comunale che non bisogna fermarsi. Dai prossimi 5 anni ci aspettiamo che si intensifichi questa capacità di allungare lo sguardo verso l’orizzonte di una città che riscopre se stessa. Proprio come già è avvenuto con il ritrovato porto antico».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X