facebook rss

Scomparso nel lago di Fiastra:
il 23enne è stato trovato morto

LA VITTIMA è Mohamed Ali Slama, viveva a Moie. Il corpo è stato recuperato all'alba dai sommozzatori, le ricerche sono durate tutta la notte. Il ragazzo si era tuffato ieri pomeriggio per attraversare a nuoto lo specchio d'acqua
Print Friendly, PDF & Email

 

di Giovanni De Franceschi

Un giorno in compagnia al lago, un tuffo, l’acqua che inghiottite in pochi secondi il corpo. E’ morto così, a soli 23 anni, Mohamed Ali Slama, di Moie di Maiolati Spontini. La tragedia si è consumata ieri a San Lorenzo di Fiastra.

Mohamed Ali Slama

Il giovane era in campeggio con alcuni amici. Verso le 14,30 ha deciso di fare un bagno e di attraversare il lago da sponda a sponda, nella parte più stretta. Si è tuffato dalla spiaggetta subito sotto il campeggio e ha iniziato a nuotare. All’improvviso, arrivato quasi sulla riva opposta, alcuni turisti lo hanno visto annaspare e hanno sentito le grida d’aiuto. Forse Mohamed ha bevuto troppa acqua, forse la stanchezza per il tragitto, fatto sta che non è riuscito più a restare a galla. E dopo pochi secondi è sparito, come inghiottito dalle acque del lago. L’allarme è scattato immediatamente. I bagnini della spiaggetta si sono tuffati subito per cercare di salvarlo, ma quando sono arrivati sulla sponda opposta, del corpo ormai non c’era più traccia. In poco tempo sono arrivati sul posto 118, vigili del fuoco con la squadra di sommozzatori e carabinieri. L’area è stata delimitata e sono iniziate le ricerche. Sotto choc gli amici che erano col giovane, impietriti i tanti turisti presenti a Fiastra.  In un primo momento era stata allertata anche l’eliambulanza, poi fatta rientrare. I sommozzatori hanno iniziato a scandagliare la zona dove il ragazzo si era inabissato. In serata a Fiastra sono arrivati anche i genitori del 23enne. Le ricerche sono andate avanti tutta la notte. Fino a quando all’alba di stamattina, all’incirca alle 6,30, i vigili del fuoco non hanno recuperato il corpo, ormai senza vita. Il sostituto procuratore di turno Claudio Rastrelli ha disposto il sequestro della salma e una prima ispezione cadaverica. L’esame verrà svolto molto probabilmente nel primo pomeriggio all’obitorio di Camerino. Qualora il medico legale dovesse confermare l’ipotesi più probabile, cioè che il giovane sia morto per annegamento, la salma sarà restituita ai familiari per il funerale. In caso contrario si procederà con l’autopsia.

(servizio aggiornato alle 11,52)

 

https://www.cronacheancona.it/2018/08/11/fa-il-bagno-nel-lago-di-fiastra-non-riesce-piu-a-tornare-a-galla-sommozzatori-cercano-un-23enne/118440/

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X