facebook rss

Moie e Camerino piangono Michela,
giovane mamma uccisa dalla malattia

MAIOLATI SPONTINI – La piccola frazione di Moie di Maiolati Spontini e il Comune di Camerino si uniscono oggi in un unico grande silenzioso abbraccio di dolore per la morte della 33enne avvenuta all'ospedale di Torrette
Print Friendly, PDF & Email

Michela Grimaldi.

Michela, 33 anni, dipendente della catena di supermercati “Acqua e Sapone”, era mamma di una splendida bambina. Aveva scoperto di essere malata circa tre anni fa e da allora è iniziato il suo calvario. Donna straordinariamente forte e coraggiosa, altruista e generosa, non ha mai perso il sorriso. Michela Grimaldi si è spenta martedì scorso alle ore 18,40 all’ospedale regionale di Torrette di Ancona dove era ricoverata.
E oggi al marito Gabriele Brutti (responsabile del Maxi Coal di Torrette), alla figlia, alla mamma Umberta e ai suoceri Liliana e Ubaldo (socio dell’Unitalsi di Moie), si stringono colleghi di lavoro e amici. Due comunità, quella di Camerino dove è nata e quella di Moie dove era andata a vivere dopo il matrimonio. Michela non ce l’ha fatta. La camera ardente, allestita alla Casa del Commiato di Bondoni a Pozzetto di Castelplanio, è stata visitata ieri da centinaia di persone. Oggi, giovedì 23 agosto, alle ore 17 saranno celebrati i funerali nella chiesa Santa Maria di Moie. In sua memoria durante la cerimonia funebre saranno raccolte donazioni in favore dell’Ail e della Clinica Ematologica dell’ospedale di Torrette.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X