facebook rss

Schianto in moto, è morto
dopo 9 giorni di agonia
il finanziere Carlo Plozner

ANCONA - Non ce l'ha fatta Carlo Plozner, 52 anni, l'appuntato della Guardia di Finanza rimasto gravemente ferito in un incidente in sella alla sua moto il 25 agosto scorso. Dopo 9 giorni il suo cuore ha smesso di battere.
mercoledì 5 settembre 2018 - Ore 13:15
Print Friendly, PDF & Email

L’appuntato della Guardia di finanza Carlo Plozner.

di Talita Frezzi


Era in gravissime condizioni a causa di un incidente in sella alla sua moto Yamaha, avvenuto lo scorso 25 agosto all’Acquasanta sulla strada provinciale 17 tra Ostra e Senigallia, sulla strada per Jesi. Carlo Plozner, appuntato della Guardia di Finanza, 52 anni, non ce l’ha fatta dopo nove giorni di agonia.

Aveva perso il controllo della sua moto, andando a finire fuori strada, in un campo. E se inizialmente si era rialzato riuscendo a dare l’allarme al 118, poi le condizioni erano precipitate a causa di gravissimi traumi interni. Era stato rianimato e stabilizzato sul posto dai sanitari del 118, poi trasportato in eliambulanza a Torrette con un codice rosso di massima gravità. Non ha più ripreso conoscenza. Il suo cuore ha smesso di battere lunedì all’ospedale regionale di Torrette dove era ricoverato nel reparto di Rianimazione. Il militare, origini olandesi e un’infanzia a Terni fino al conseguimento del diploma all’Istituto tecnico industriale, si era arruolato nelle fiamme gialle e dopo aver lavorato in tutta Italia, dal 1991 era di stanza ad Ancona impiegato come addetto di segreteria. Abitava ad Agugliano. Lascia nel dolore la moglie Elisabetta e la figlia Maria. La famiglia ha acconsentito alla donazione degli organi. L’espianto è avvenuto all’ospedale regionale di Ancona. I funerali di Carlo Plozner sono stati celebrati questa mattina alle 10 nella chiesa di Santa Maria dei Servi ad Ancona. Nel primo pomeriggio la salma sarà trasferita in Umbria, per la tumulazione nel cimitero di Calvi.

Fuoristrada con la moto, gravissimo un finanziere

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X