facebook rss

Rimprovera un bambino e viene
preso a manganellate dal padre

ANCONA - L'episodio, scaturito in un processo conclusosi oggi in tribunale, era accaduto nel settembre 2016. A finire in ospedale con 20 giorni di prognosi era stato un macedone di 40 anni, vicino di casa del suo aggressore, condannato a scontare 5 mesi di reclusione, pena sospesa, per i reati di lesioni personali e minacce aggravate
venerdì 14 settembre 2018 - Ore 14:50
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale di Ancona

 

Gli rimprovera il figlioletto e viene preso a manganellate dal padre del piccolo. È l’episodio accaduto nel settembre 2016 a Cerreto D’Esi che ha dato vita al processo terminato oggi in tribunale. Per i reati di lesioni personali, minacce aggravate e detenzione di oggetti atti ad offendere, un albanese di 42 anni è stato condannato a cinque mesi di reclusione, pena sospesa, e al pagamento di una multa di mille euro. Vittima dell’aggressione era stato un macedone di 40 anni, parte civile tramite l’avvocato Ruggero Benvenuto. All’uomo andrà un risarcimento danni di 600 euro. All’epoca dei fatti, i due stranieri erano vicini di casa. Il pomeriggio dell’8 settembre, alcuni bimbi residenti nel condominio dove abitavano le parti in causa stavano giocando con la palla nell’androne esterno del palazzo. Tra questi c’era il figlio dell’imputato. Stando a quanto emerso, il 40enne macedone aveva incitato il gruppetto di bambini a fare meno chiasso. Evidentemente, l’ammonimento non era stato preso bene dall’albanese, padre di uno dei minori rimproverati. La sera stessa, infatti, l’uomo si era avvicinato alla parte civile, uscita di casa con la moglie per andare a passare qualche ore in un circolo cittadino. All’improvviso c’era stato il faccia a faccia con il 42enne all’esterno del locale. “Ti ammazzo” avrebbe detto l’imputato, tirando fuori dalla giacca un manganello telescopico. Il macedone aveva ricevuto colpi alla schiena e alla spalla per cui era stato necessario l’ingresso al pronto soccorso. In totale, erano stati refertati 20 giorni di prognosi. La denuncia contro il vicino era stata immediata.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X