facebook rss

Donna ferita al Mandracchio:
in cella camionista bulgaro

ANCONA - Una 49enne con sangue sulle braccia e al naso nel tardo pomeriggio di ieri era stata accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale di Torrette. In nottata gli agenti delle Volanti della Questura hanno controllato lo straniero con cui la donna aveva litigato denunciandolo per rapina e tentata violenza. Le avrebbe chiesto una prestazione sessuale
Print Friendly, PDF & Email

La Croce Gialla (foto d’archivio)

Nel tardo pomeriggio di ieri una romena di 49 anni è stata soccorsa al Mandracchio dal 118, da un’ambulanza della Croce Gialla e da due volanti della Polizia di Ancona. La donna presentava contusioni, ferite sulle braccia e perdeva sangue dal naso e ha raccontato agli agenti e ai soccorritori di aver affrontato un viaggio in autostop su un camion da Roma ad Ancona. Per le necessarie medicazioni, verso le 19 la straniera è stata accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale di Torrette, mentre sono stati ascoltati diversi camionisti presenti in zona per cercare di capire se la donna fosse stata aggredita. La borsa della 49enne con i suoi effetti personali è stata ritrovata su un autoarticolato e  già sul momento non si era escluso che potesse aver avuto un litigio con qualcuno.

Il giallo è stato risolto dalla Polizia in nottata dopo approfonditi accertamenti su un 41enne di nazionalità bulgara. La situazione è sembrata subito molto difficile da comprendere in quanto la donna non parlava l’italiano e non vi erano testimoni utili. I Poliziotti della Volante hanno subito fatto minuziose indagini cercando di comprendere I motivi. Solo a notte fonda si è compreso che la rumena si era recata in quel posto per avere un passaggio a bordo di un articolato. Un camionista bulgaro di 41 anni ha mostrato la volontà di accompagnarla offrendole anche delle sigarette e probabilmente chiedendo anche una prestazione sessuale. Tra i due è nato però un diverbio che è passato dalle parole ai fatti. L’uomo ha iniziato a picchiare la donna, che ha cercato di difendersi, con numerosi schiaffi rubandole la borsetta con tutti gli averi, nascondendola poi accuratamente sotto l’asse del rimorchio. I poliziotti dopo aver sentito le versioni dei due e aver fatto ogni accertamento utile per comprendere bene la verità, hanno deferito all’autorità giudiziaria il camionista bulgaro per rapina in quanto hanno trovato dopo un accurato controllo all”autoarticolato la borsa della donna ben nascosta sotto un asse del rimorchio e tentata violenza, e trasportato la donna in ospedale per le cure del caso. Il camionista è stato posto a disposizione dell’autorità giudiziaria e ristretto presso la casa circondariale di Montacuto.

(servizio aggiornato alle 9.45 del 30 settembre 2018)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X