facebook rss

Overdose di eroina
all’ex Foro Boario:
denunciato lo spacciatore

OSIMO - Dopo il malore sotto il loggiato dei giardini di piazza Giovanni XXIII, una settimana fa un tossicodipendente era stato salvato in extremis dal 118. Il pusher individuato dalla Polizia è un pregiudicato osimano di 45 anni che gli aveva ceduto la droga acquistata a Porto Recanati
lunedì 1 Ottobre 2018 - Ore 15:27
Print Friendly, PDF & Email

La volante del Commissariato di Osimo davanti al loggiato dell’ex Foro Boario dove era stato soccorso il tossicodipendente in overdose di sostanza stupefacente

I giardini dell’ex Foro Boario di piazza Giovanni XXIII

I soccorsi sanitari tempestivi, lo scorso 24 settembre, avevano evitato che morisse per una overdose di sostanza stupefacente. Ad una settimana esatta dall’accaduto, gli agenti del Commissariato di Ps di Osimo, diretti dal vice questore Giuseppe Todaro, hanno concluso le indagini individuando il pusher che avrebbe ceduto la dose di eroina mal tagliata al tossicodipendente 45enne di Osimo. Lo spacciatore che avrebbe rifornito l’uomo soccorso per un malore lunedì scorso sotto il loggiato dei giardini dell’ex Foro Boario di Osimo è un suo coetaneo, un pregiudicato osimano di 45 anni. I poliziotti sono partiti dall’identificazione di colui che era stato trovato in overdose da una pattuglia. Poi hanno ricostruito la dinamica dei fatti, accertando che lo stupefacente assunto era eroina acquistata dal pregiudicato osimano a Porto Recanati e ceduta nella stessa giornata al tossicodipendente. Nel corso delle indagini gli agenti del Commissariato hanno individuato l’autore dello spaccio, già noto per essere stato coinvolto in fatti analoghi, nella sua abitazione dove è stata svolta anche una perquisizione domiciliare. L’operazione è frutto del continuo è costante controllo da parte degli agenti del Commissariato osimano nelle zone cittadine maggiormente a rischio per lo spaccio e il consumo degli stupefacenti come parchi giardini e luoghi di ritrovo.

Malore sotto al loggiato dei giardini dell’ex Foro Boario

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X