facebook rss

Utilizzava permesso invalidi tarocco:
nei guai un 65enne

FALCONARA - A smascherare la truffa sono stati gli agenti della polizia locale che hanno notato come il permesso fosse una fotocopia del documento originale, effettivamente rilasciato alla madre disabile del millantatore. Mentre lei usava il foglio ufficiali, quello fasullo veniva esposto dal figlio
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Utilizzava una copia del permesso invalidi della madre per parcheggiare liberamente negli stalli a pagamento, finché venerdì 5 ottobre non è incappato nei controlli della polizia locale. Nei guai un falconarese di 65 anni, scoperto grazie alla segnalazione di un ausiliario della sosta che a metà mattinata ha notato durante i consueti controlli la sua auto parcheggiata in via XX Settembre. A una prima verifica il permesso invalidi esposto sul cruscotto presentava anomalie. Per questo l’ausiliario ha richiesto l’intervento degli agenti della polizia locale, che hanno accertato che il permesso esposto sul veicolo in sosta in via XX Settembre era una copia a colori del permesso reale. Il permesso originale era esposto in un altro veicolo effettivamente a disposizione dell’avente titolo in luogo diverso, mentre quello contraffatto si trovava esposto sull’auto utilizzata dal figlio. Quest’ultimo è stato rintracciato nella stessa mattinata di venerdì 5 ottobre ed è stato accompagnato al Comando della polizia locale, dove sono state fatte tutte le procedure per inoltrare la segnalazione all’autorità giudiziaria per uso di autorizzazione amministrativa falsa. Il documento ‘taroccato’ è stato sequestrato. «E’ importante che il corpo della polizia locale si muova su vari fronti – è il commento del sindaco Stefania Signorini, che mantiene la delega alla Sicurezza –. I nostri agenti stanno operando con grande efficacia e questa operazione, che è volta a tutelare le persone davvero invalide e tutti gli altri fruitori della sosta, che pagano regolarmente il parcheggio, si inserisce nell’attività complessiva di presidio del territorio che ho indicato tra le mie priorità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X