facebook rss

Due appuntamenti
per la rassegna
‘Castelbellino Filosofia’

CULTURA - Sabato prossimo al Teatro "B.Gigli", "Florenskij si confessa", con testo e voce di Silvano Tagliagambe, professore emerito di Filosofia della Scienza. Il 17 novembre invece la conferenza dal titolo "L'Infinito di Pavel Florenskij" con il relatore Paolo Zellini,
mercoledì 7 novembre 2018 - Ore 17:27
Print Friendly, PDF & Email

Torna la rassegna “Castelbellino Filosofia” che, come ogni anno potrà contare sulla presenza di importanti personalità del mondo accademico e culturale italiano e sul coordinamento dei lavori della direttrice della rassegna prof.ssa Laura Cavasassi. L’iniziativa, organizzata dal Comune in collaborazione con la Pro loco, è dedicata al “Il Genio di Pavel Florenskij” e prevede due appuntamenti. Sabato 10 novembre, alle ore 17.30, presso il Teatro “B.Gigli” di Castelbellino, “Florenskij si confessa”, con testo e voce di Silvano Tagliagambe, professore Emerito di Filosofia della Scienza. Sabato 17 novembre, alle ore 17.30, sempre presso il Teatro “B.Gigli” di Castelbellino, conferenza dal titolo “L’Infinito di Pavel Florenskij” con il relatore Paolo Zellini, professore ordinario di Analisi Numerica presso Roma Tor Vergata.

Coordina la professoressa Laura Cavasassi che presenterà il progetto “Il Genio di Pavel Florenskij” “Nella scena culturale del Novecento si staglia la figura di Pavel Florenskij, filosofo – fisico – chimico – ingegnere elettonico – teologo e acuto interprete delle contraddizioni della modernità come la crisi – i rapporti tra fede e ragione – cristianesimo e rivoluzione – antropologia e bellezza – matematica e teologia. Rilevante è la sua fisionomia di filosofo del Confine e dell’Antinomia, cioè di quella metodologia epistemologica, per la quale ogni conoscenza è come un confine di un territorio che delimita e contemporaneamente mette in comunicazione le proprie e le istanze altrui. A Florenskij si accompagna un modello della mente incentrato sulla idea di intelligenza mobile – attiva – creativa, capace di esplorare le connessioni imprevedibili tra le cose. Con Florenskij abbiamo un mirabile esempio di pensiero polifonico e di ricchezza interdisciplinare”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X