facebook rss

In auto il rifornimento di droga
da smerciare durante le feste di Natale,
arrestato spacciatore 25enne

FABRIANO - Il giovane è stato fermato dai carabinieri a bordo della sua auto dove nascondeva 113 grammi di cocaina. Nella sua abitazione i militari hanno trovato altri 35 grammi di droga ed oltre 4mila euro
Print Friendly, PDF & Email

La cocaina ed il denaro sequestrato dai carabinieri

 

Quasi un etto e mezzo di cocaina pronta da smerciare per le feste di Natale. Arrestato insospettabile spacciatore fabrianese. Si tratta di un 25enne, M.M., incensurato. Un giovane come molti. Un lavoro da operaio e la vita a casa con i suoi genitori a Fabriano, ma nell’armadio della sua camera nascondeva la “valigetta del mestiere”. A far scattare le manette i carabinieri di Fabriano che da tempo tenevano sott’occhio il giovane. L’operazione è scattata la sera della vigilia di Natale, quando i militari hanno deciso di verificare se i loro sospetti sul 25enne fossero fondati. Appostati lungo la provinciale che da Fabriano porta a Sassoferrato, che il ragazzo percorre di frequente, i carabinieri hanno atteso il sopraggiungere della sua auto per un controllo, ma alla vista delle forze dell’ordine il 25enne ha sterzato bruscamente girando per una strada secondaria ed ha gettato dal finestrino un involucro. I carabinieri hanno seguito e fermato il giovane e recuperato l’involucro gettato a bordo della strada. All’interno del pacchetto i carabinieri hanno trovato 113 grammi di cocaina pura. Successivamente i militari hanno eseguito anche la perquisizione domiciliare. Nell’armadio di casa del ragazzo hanno così trovato la valigia con dentro un altro involucro con 32 grammi di cocaina e tre dosi già confezionate da 1 grammo l’una. Insieme alla droga i carabinieri hanno trovato 30 grammi di mannitolo, una sostanza utilizzata per tagliare la droga. Nascosti nella valigetta anche 4mila e 100 euro, frutto con ogni probabilità dell’attività di spaccio. Il 25enne è stato arrestato e trasferito al carcere di Montacuto a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X