facebook rss

Tagli ai fondi per l’editoria,
Mastrovincenzo: «Al più presto un atto di indirizzo
votato dall’Aula»

RADIO E TV - Il presidente del Consiglio regionale risponde all'appello lanciato dal presidente del Corecom. Ribadita la necessità di salvaguardare pluralismo dell’informazione e posti di lavoro
sabato 5 Gennaio 2019 - Ore 15:57
Print Friendly, PDF & Email

Il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mastrovincenzo

 

«Condivido pienamente la preoccupazione esternata dal presidente del Corecom relativamente ai tagli sui finanziamenti per l’editoria previsti nella manovra statale di Bilancio». Il presidente del Consiglio regionale, Antonio Mastrovincenzo, risponde così all’appello lanciato da Cesare Carnaroli per un intervento che veda il pieno coinvolgimento delle istituzioni marchigiane ed in primis dell’Assemblea legislativa, affinché venga salvaguardata l’esistenza di numerose testate giornalistiche, di tv e radio locali.
«Le decisioni adottate dal Governo – stigmatizza Mastrovincenzo – rischiano di mettere seriamente in pericolo il pluralismo, accentrando l’informazione in mano a pochi, e di causare il taglio di numerosi posti di lavoro. Una situazione pesantissima per un settore già in sofferenza da anni e chiamato ad affrontare un futuro sempre più incerto. Anche il Presidente della Repubblica ha più volte evidenziato la necessità di salvaguardare le molteplici voci dell’informazione, quale presidio irrinunciabile dello Stato democratico».
Come primo step concreto, il presidente del Consiglio annuncia un atto d’indirizzo, da discutere al più presto in Aula. «La speranza – sottolinea – è che vada a concretizzarsi la massima convergenza possibile e che da parte di tutti i gruppi consiliari, nessuno escluso, prevalga il buon senso e la consapevolezza di quanto sta accadendo. L’auspicio è che si possa attivare un intervento diretto e deciso nei confronti del Governo, affinché riveda alcune scelte contenute nella manovra di bilancio approvata nelle scorse settimane».

Tagli all’emittenza privata, l’allarme del Corecom: «A rischio i media locali e migliaia di posti di lavoro»

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X