facebook rss

Quando l’arte tende la mano
Mostra per i bambini del “Salesi”

ASCOLI - Presso la sala Cola d'Amatrice è attiva fino al 26 gennaio l'esposizione dei pregiati oggetti in ceramica realizzati dagli allievi del Centro Locale per la Formazione. Il ricavato della vendita servirà ad acquistare strutture e arredi per l'ospedale di Ancona che cura i piccoli malati
Print Friendly, PDF & Email

Alcune delle ceramiche esposte alla Sala Cola (foto di Andrea Vagnoni)

Quando arte, solidarietà e amore si incontrano nascono progetti destinati a restare nel cuore. Un cuore che si aggrappa al gesto di chi non si risparmia. Soprattutto per i bambini. All’ospedale “Salesi” di Ancona, una delle eccellenze della regione, ogni giorno tanti piccoli ricevono cure e assistenza costante. E’ a loro che andrà il ricavato della mostra di manufatti in ceramica attiva presso la Sala Cola d’Amatrice fino al prossimo 26 gennaio (orario 9-19).

Vasi, piatti, brocche, sculture, mattonelle, quadri realizzati negli anni dagli allievi del Centro Locale per la formazione di Via Cagliari (dove erano conservati), per un evento allestito dalla Regione Marche in collaborazione con la Provincia ed il patrocinio del Comune. Attraverso la vendita di tali pregiati oggetti (pezzi unici realizzati al tornio o con la tecnica del colombino), dunque, l’arte manifesta la sua vicinanza non solo teorica, ma anche e soprattutto pratica. Quanto ottenuto, servirà infatti per l’acquisto di strutture e arredi in grado di lenire la sofferenza dei piccoli malati del “Salesi”.
Plauso inevitabile, dunque, ai ceramisti che si sono alternati nell’insegnamento, gente come Enzo De Rosa, Luciano Cordivani, Augusta Schinchirimini, Antonio Narducci, Patrizia Bartolomei, Gabriele Cinelli e Vermiglia Spalazzi, e agli “allievi” Iluska Costantini, Barbara Tomassini, Savina Laudi, Cinzia Cordivani, Monia Vallesi, Barbara Petrelli.

Lu. Ca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X