facebook rss

Nuove telecamere,
Mariani e Alessandrini:
“Non bastano per la sicurezza”

OSIMO - Dopo l'accensione di nuove spycam ad Osimo e nelle frazioni la capogruppo consiliare del Gruppo Misto chiede di schierare un maggiori numero di agenti della Pm sul territorio. Il candidato sindaco della Lega sollecita più controlli sulla immigrazione
Print Friendly, PDF & Email

Spycam già accese sulla rotonda della Gironda

Maria Grazia Mariani (gruppo Misto)

“Sicurezza ad Osimo: le telecamere non bastano, serve ordine decoro e pulizia”. E’ quello che pensa la consigliera Maria Grazia Mariani. La capogruppo del Gruppo Misto commenta così il nuovo piano di installazione di telecamere, tra capoluogo e frazioni, annunciato dall’assessora Federica Gatto e dal sindaco Simone Pugnaloni. “I ladri hanno dichiarato guerra: da quasi due settimane furti ovunque. – ricorda la consigliera – e il sindaco continua con la storiella di nuove telecamere. Peccato che quando servono non funzionano mai. Le telecamere sono certamente necessarie, la videosorveglianza è una valida tecnologia al servizio delle forze di polizia, ma non sufficiente ad arginare la microcriminalità se non c’è neanche chi le sorveglia o chi si occupa della manutenzione, ma soprattutto se non ci sono uomini sul territorio”. Secondo Maria Grazia Mariani, quindi, “non si può parlare di sicurezza se in una città non si pretende ordine, decoro e pulizia; se non mandiamo gli uomini della Polizia Municipale sul territorio, se non si condanna chi imbratta beni di interesse storico ed artistico, se non si contrastano i fenomeni di accattonaggio, se non si combatte l’abusivismo di ogni genere, se non si sostengono i cittadini contro le truffe. Non si può parlare di sicurezza senza una riqualificazione urbana, se non si attuano politiche di contrasto all’uso smodato di alcool e droga”.

 Chiede invece maggiori controlli anche sull’immigrazione il candidato a sindaco della Lega di Osimo, Alberto Maria Alessandrini  dopo episodi di accattonaggio definito molesto da alcuni osimani in centro e dopo le segnalazioni di schiamazzi nell’area di San Marco. “Sulla sicurezza le chiacchiere stanno a zero – esordisce Alessandrini – Sorprendere vedere, oggi, ergersi a tutela dei cittadini osimani chi, ieri, molto poco ha fatto per salvaguardarli realmente. La gestione e la convivenza fra migranti e cittadinanza stanno da tempo mostrando tutte le loro fragilità con pesante ricadute sulla sicurezza percepita. La gestione di alcune zone del centro storico o gli episodi di inciviltà sono solo alcuni esempi della criticità della situazione. Occorre rivedere totalmente il sistema di accoglienza, e la lega di Matteo Salvini molto sta facendo proprio in questa direzione. ‘Prima gli osimani’ non può essere essere solo uno slogan per racimolare qualche voto in più ma un impegno serio e concreto a tutela di chi, italiano od immigrati regolare, ha il diritto di vivere in una città sicura ed ordinata”.

Rivista la ‘mappa’ delle spycam: nuove telecamere a San Biagio e Campocavallo

Videosorveglianza, 1,3 milioni nelle Marche: 22.570 euro per la provincia di Ancona

Vandali a Piazza Nuova: le spycam non funzionano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X