facebook rss

Ennesimo incendio doloso
all’ex deposito Pieralisi

JESI - E' il terzo rogo scoppiato in poche settimane. Non esclusa l'ipotesi dall'accidentalità. Le fiamme potrebbero essere state innescate da qualche senzatetto entrato in quei locali per riscaldarsi
Print Friendly, PDF & Email

L’incendio all’ex deposito Pieralisi.

Ancora un incendio doloso appiccato al deposito della Pieralisi di via Staffolo, traversa di viale Cavallotti. La colonna di fumo nero si è avvistata dal centro città e da corso Matteotti, destando grande preoccupazione nella cittadinanza. Numerose le chiamate al centralino del 115 per segnalarlo, ma i Vigili del fuoco sono già a lavoro dalle 17,50 circa per domare le fiamme. Sul posto squadre da Jesi, Ancona e Falconara. I locali sono dismessi e una volta ospitavano la ditta Maip del Gruppo Pieralisi. E’ il terzo incendio in un mese e mezzo, circostanza che desta rabbia e dubbi nei residenti della zona. Le operazioni di spegnimento e messa in sicurezza del sito industriale sono ancora in corso.

La colonna di fumo che si è alzata sul cielo di Jesi

l punti di innesco, quelli dai quali è partito il fuoco, sarebbero due: un ufficio dove erano stipati faldoni e cartoni e poi da un container utilizzato come spogliatoio per gli operai. Sul posto hanno lavorato tre squadre dei vigili del fuoco di Jesi e in arrivo dal distaccamento aeroporto di Falconara. I carabinieri che sono intervenuti sul posto e che attendono la relazione finale dei tecnici dei vigili del fuoco, non escludono la pista dolosa ma anche quella dell’accidentalità. Il rogo potrebbe anche essere stato innescato involontariamente da qualche clochard entrato in quei locali per riscaldarsi.

(servizio aggiornato alle 23.30)

 

Incendio doloso al magazzino dismesso, il penultimo a inizio gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X