facebook rss

Non consegna la merce,
lo trovano morto a Rimini
dentro al suo camion

LA TRAGEDIA si è consumata ieri sera. L'autotrasportatore osimano di 60 anni doveva consegnare già in mattinata un carico a Brescia dove non è mai arrivato ed è scattato l'allarme. Il titolare della ditta di autotrasporti di Passatempo, i familiari dell'uomo e i carabinieri di Osimo lo hanno cercato per tutta la giornata fino a quando il Tir non è stato geolocalizzato sul parcheggio all'uscita del casello autostradale di Rimini Nord
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

Un camionista osimano di 60 anni, Paolo Paleini, dipendente di una ditta di trasporti di Passatempo è stato rinvenuto morto nella serata di ieri all’interno della cabina del suo tir, nell’area di sosta di un ristorante di Via Orsoleto vicino all’uscita del casello autostradale di Rimini Nord. Era partito nella nottata tra mercoledì e giovedì da Osimo per consegnare un carico a Brescia dove non è mai arrivato. La azienda che attendeva la merce, non vendendolo arrivare,  nella mattinata di ieri ha contattato la ditta osimana per chiedere spiegazioni ed è scattato l’allarme. Il datore di lavoro  con i familiari dell’uomo si sono rivolti  poco dopo ai carabinieri di Osimo per cercarlo e riuscire a capire che cosa gli era successo.

Il suo cellulare squillava a vuoto e verso le 10.30 di ieri mattina si è completamente spento. Sono iniziate a scorrere ore di angoscia ed ansia.  I militari della stazione di Osimo e i colleghi del Norm hanno lavorato per tutta la giornata per geo-localizzare il mezzo pesante attraverso le ultime celle telefoniche che aveva agganciato il telefonino del camionista fino a quando era rimasto acceso. L’ultima segnalazione arrivava proprio da Rimini. Sono stati analizzati anche i passaggi del tir ai varchi autostradali telepass. Le ricerche si sono concluse ieri  sera alle 21 quando il mezzo è stato individuato dalla polizia autostradale di Forlì, competente su quel tratto di A 14, in sosta sul parcheggio. La cabina del camion però era chiusa dall’interno ed è stato necessario l’intervento di una squadra dei vigili del fuoco per aprire lo sportello. Il corpo dell’osimano era esanime sul sedile come se l’uomo si fosse fermato a riposare  e nel sonno fosse stato colto da un malore. La salma è stata trasportata all’obitorio dell’ospedale di Forlì per essere comunque sottoposta ad autopsia. Già a settembre dell’anno scorso, il camionista si era sentito male all’improvviso mentre era a casa ed era dovuto ricorrere alla cure del pronto soccorso dell’ospedale di Osimo.

(servizio aggiornato alle 15)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X