facebook rss

Paziente abusata dopo l’intervento:
condannato infermiere

ANCONA - Si tratta di un 38enne che al momento del fatto lavorava in una casa di cura privata del capoluogo. Secondo la procura, con la scusa di stimolare la minzione di una paziente dopo l'operazione subita, aveva compiuto atti sessuali. Per l'uomo, poi licenziato dall'ospedale, è stata stabilita una pena in abbreviato di quattro anni di reclusione
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Entra in camera di una paziente con la scusa di stimolarle la minzione dopo l’operazione subita e, per la procura, abusa di lei: infermiere condannato a quattro anni di reclusione. La sentenza è stata emessa questa mattina con il rito abbreviato dal gup Francesca De Palma. L’imputato, 38 anni, doveva rispondere di violenza sessuale aggravata dalla minorata difesa della vittima, dettata sia dagli effetti dell’anestesia che della sedazione subita dopo l’intervenuto chirurgico. Fattori che non avrebbero permesso alla ricoverata, una jesina di 30 anni, di opporsi alle molestie subite. Il fatto contestato dalla procura è avvenuto il 12 maggio 2017 in una casa di cura privata di Ancona, citata all’interno del procedimento come responsabile civile. Stando a quanto ricostruito, l’infermiere si sarebbe approfittato della paziente poche ore dopo l’intervento, quando lei era relegata a letto, nella sua camera. Per stimolarle la minzione, avrebbe toccato più volte in maniera morbosa le parti intime della donna, senza arrivare a un rapporto sessuale completo. Secondo la ricostruzione della procura, prima di praticare gli abusi, il 38enne avrebbe fatto uscire una parente della compagna di stanza della vittima e avrebbe anche verificato che la ricoverata dormisse profondamente. La denuncia di quanto subito era stata formalizzata agli investigatori della Squadra Mobile poche ore dopo l’accaduto. Il risarcimento del danno alla vittima, rappresentata dagli avvocati Ennio Tomassoni e Daniele Discepolo, verrà stabilito in sede civile. L’infermiere, licenziato dalla casa di cura dopo l’inizio del procedimento penale, ha sempre negato ogni addebito.

(Fe. Ser.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X