facebook rss

Tentano di spendere
banconote false in centro, denunciati

JESI - I tentativi di smercio di banconote false sono andati a vuoto, ma c'è massima allerta da parte dei Carabinieri che invitano i cittadini a segnalare casi analoghi
Print Friendly, PDF & Email

I Carabinieri al parco del Vallato questa mattina.

 

di Talita Frezzi

Avevano tentato di fare degli acquisti con delle banconote false in alcuni esercizi commerciali del centro e in un bar, ma la consistenza delle banconote li ha traditi. E quando sono scappati, hanno fatto poca strada perché i Carabinieri della Compagnia di Jesi li hanno rintracciati subito nel vicino Parco del Vallato, uno dei luoghi maggiormente attenzionati dalle forze dell’ordine negli ultimi mesi. I due ragazzi – stranieri, entrambi 25enni – sono stati rintracciati questa mattina verso le 10,30 nel giardino a ridosso del centro. Avevano ancora in tasca i soldi falsi, che già a una prima occhiata hanno rivelato la loro natura al controllo dei militari dell’Aliquota Radiomobile. Da un ulteriore controllo in banca dati, è emerso che uno dei due ragazzi era anche irregolare sul territorio dello Stato. A suo carico saranno adottati provvedimenti dalla Questura per l’espulsione.
Secondo i primi accertamenti condotti dai militari, anche sulla base delle segnalazioni al 112 giunte dalle potenziali vittime del raggiro, sembra che i due giovani abbiano tentato senza riuscirci, di fare delle spese nei negozi del centro con delle banconote false. Ma sarebbero sempre stati smascherati dai dispositivi di controllo di cui sono dotati i negozi. Così all’ultimo tentativo, in un bar, quando il titolare ha allertato il 112, si sono dati alla fuga. I due sono stati denunciati all’Autorità giudiziaria per detenzione e spendita di banconote false. Il denaro contraffatto è stato sequestrato in attesa di una perizia accurata da parte degli esperti. Continueranno i servizi preventivi nelle prossime settimane, ma dal comando dell’Arma jesina si raccomanda di segnalare eventuali tentativi di truffa con denaro falso per capire se possano essere riconducibili a quegli stessi soggetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X