facebook rss

Malore al volante,
54enne muore
stroncato da un infarto

OSIMO - L'operaio polverigiano stava rientrando a casa in auto e percorreva via Mucciolina, la strada che attraversa due territori comunali e che collega Casenuove a Polverigi. Nel tardo pomeriggio di oggi si è fermato al margine della carreggiata sul tratto osimano dopo essersi sentito male ma non è riuscito ad attivare i soccorsi. Inutili i tentativi del 118 di rianimarlo. Sul posto anche i carabinieri e i vigili del fuoco
lunedì 8 Luglio 2019 - Ore 22:03
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Muore a pochi metri da casa dove stava rientrando, per un probabile infarto cardiaco, mentre viaggiava al volante della sua Fiat 16 in via Mucciolina, al confine tra  Osimo e Polverigi. Un viaggio in auto interrotto da un malore, forse provocato dalle eccessive temperature di questi giorni, che ha fatto accasciare sul sedile  L.P.,  un operaio 54enne di Polverigi e che gli ha fatto subito perdere conoscenza. Sono stati alcuni automobilisti di passaggio sulla strada di collegamento tra la frazione osimana di Casenuove a Polverigi (condivisa tra i due Comuni) a prestare i primi soccorsi  all’uomo che  era riuscito a fermarsi al margine della strada con il motore ancora acceso ma non ce l’aveva fatta a chiedere aiuto.

I primi soccorritori hanno telefonato al centralino del 118 sollecitando l’intervento di un’ambulanza con il personale sanitario. Il medico e infermieri dal pronto soccorso dell’ospedale di Osimo sono giunti, sul posto in tempi record. Hanno cercato per diverso tempo di rianimare il paziente con il defibrillatore, ma sono stati inutili tutti i tentativi di riportarlo in vita. Poco dopo le 19 di oggi il medico non ha potuto che constatare la morte per cause naturali dell’operaio di 54 anni, firmando il certificato di decesso. Sul posto è arrivata anche una pattuglia dei carabinieri di Agugliano del Comando compagnia di Osimo che si è limitata a registrare l’episodio come morte naturale, insieme a una squadra dei vigili del fuoco di Ancona. La salma dell’uomo, che era celibe, abitava in via Mucciolina (ma nel tratto polverigiano) e che aveva problemi di salute e obesità, è stata già riconsegnata alla famiglia d’origine. L.P. lascia la anziana madre e una sorella che risiede a Porto Recanati

(servizio aggiornato alle 23.20)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X