facebook rss

Piscina e opere abusive
lungo il corso del Musone:
due persone denunciate

RECANATI - A scoprirlo i carabinieri forestali durante i sopralluoghi sul fiume. I proprietari rischiano multe fino a 51mila euro
Print Friendly, PDF & Email

 

Carabinieri forestali lungo il fiume

 

Strutture abusive in legno e una piccola piscina scoperte lungo il corso del fiume Musone a Recanati. A scoprirlo i carabinieri forestali della locale stazione nel corso di sopralluoghi per il monitoraggio ambientale. I militari hanno notato la presenza di diverse opere edili, alcune in corso di costruzione, su una proprietà privata in un punto soggetto a tutela paesaggistica e a rischio esondazione molto elevato. I carabinieri hanno trovato strano che qualcuno costruisse proprio lì e hanno deciso di dare il via ad una serie di accertamenti con l’aiuto della polizia locale di Recanati. E’ così emerso che quelle opere non potevano essere realizzate. Si tratta di alcune strutture in legno e pannelli prefabbricati, pavimentazioni e fabbricati in cemento armato, nonché una piccola piscina. I controlli documentali hanno evidenziato che tutti i manufatti erano stati realizzati in assenza di autorizzazione edilizia e paesaggistica e senza il deposito del progetto per la normativa sismica. Gli abusi erano su di un’area di circa 800 metri quadrati. Due le persone denunciate per violazione del testo unico in materia di edilizia e per la violazione del codice dei Beni culturali e paesaggistici. Le opera saranno demolite. I proprietari rischiano una multa da 5mila fino a 51mila euro.

</

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X