facebook rss

Trova una treccia di capelli
appesa davanti al suo negozio:
è un scherzo o una ‘fattura’?

OSIMO - Il calzolaio di Osimo Stazione ha raccontato l'inquietante episodio sui social media, domandandosi se fosse solo una bravata o il simbolo di un rito satanico. Alla fine ha preferito bruciare la ciocca
Print Friendly, PDF & Email

Paolo Paci toglie la treccia dalla tettoia del suo negozio, a Osimo Stazione

 

Trova una treccia di capelli, lunga 70 centimetri, lasciata appesa sulla tettoia del suo negozio da calzolaio ad Osimo Stazione. Scherzo di cattivo gusto, avvertimento macrabro o ‘fattura’ che si rifà ad un rito satanico messo in atto tra sabato sera e lunedì pomeriggio?

Nel dubbio e senza aver troppa intenzione di dare una connotazione all’evento, riaperto ieri il negozio sulla Statale Adriatica dopo il  week end di chiusura, ha preferito bruciare subito la ciocca di capelli il negoziante fidardense Paolo Paci, titolare de ‘La bottega di Aladino’, artigiano noto per realizzare a mano stivali texani. Dopo l’inquietante scoperta ha raccontato però l’episodio sui social media, testimoniando ogni suo gesto con video.

I numerosi commenti che ne sono scaturiti  hanno accreditato diverse ipotesi oscillando tra goliardia,  suggestione popolare, racconti delle nonne, e ricette ‘fai da te’ contro il malocchio.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X