facebook rss

Mengoni a RisorgiMarche:
tre percorsi a piedi
e borracce al seguito

CONCERTO - Da 80 minuti a due ore e 20 i tempi medi previsti di cammino per arrivare a Fontanelle, da Sarnano o da Amandola
lunedì 29 Luglio 2019 - Ore 16:03
Print Friendly, PDF & Email

 

Marco Mengoni

 

A Risorgimarche è la vigilia dell’appuntamento con il concerto di Marco Mengoni a Fontanelle di Sarnano. L’organizzazione ha dato gli ultimi avvisi per arrivare all’evento senza problemi, il più importante è l’assenza di fonti d’acqua durante il percorso. Necessario quindi riempire le borracce prima di mettersi in cammino. Sul punto di arrivo saranno comunque presenti due cisterne di acqua potabile e un punto ristoro. Il concerto inizierà alle 16,30, è vietato campeggiare nella notte precedente e i parcheggi saranno aperti dalle 9, l’invito è anche a non utilizzare plastica e stoviglie non riciclabili. Una volta saturata l’area parcheggio prestabilita dall’organizzazione, l’accesso ai mezzi non verrà più consentito. E’ opportuno un abbigliamento idoneo per una camminata in montagna (a partire da scarpe da trekking e cappello).

Sono tre i percorsi previsti. Il primo, di circa 7,6 km per 2 ore e 20 minuti da Sarnano, inizia da un’area adibita a parcheggio nei pressi della Zona Industriale Morelli, lungo la strada che conduce alla frazione Pianelle inizialmente asfaltata per i primi 2 km. Superata la deviazione per seguire verso la frazione Mazzanti, il percorso diventa una comoda carrareccia ombreggiata. Si continua fino ad incrociare prima l’itinerario che sale dalla frazione Taccarelli (Amandola) e poi, immettendosi nuovamente sulla strada asfaltata, con l’itinerario che sale da Casa Innamorati (Amandola). Si continua sulla strada asfaltata fino a superare l’area picnic nei pressi della chiesetta Madonna della Pace per poi terminare, con gli ultimi 500 mt, su un percorso sterrato fino a giungere all’area concerto. Si aprirà alla vista un incantevole prato con un fronte verso i monti, fra i quali spicca il vicino Pizzo Meta dalla particolare parete nord che si getta nella valle rocciosa del Rio Terro, pareti che in passato hanno ispirato la tracciatura di una via d’arrampicata.

Il secondo parte da Casa Innamorati (Amandola) di 6,9 km per circa 2 ore di cammino. Si cammina quasi interamente su strada asfaltata lasciando poi spazio, nell’ultimo tratto di quasi 500 mt, ad un percorso realizzato su prato e sterrato fino a giungere all’area concerto. Il percorso può essere effettuato con passeggini avendo cura di richiuderli per superare l’ultima parte. Per tutti e tre gli accessi all’area concerto, di particolare nota è la Chiesa della Madonna della Pace che si incontra lungo i percorsi essendo ubicata proprio fra il territorio di Amandola e di Sarnano. Deve il suo nome alla pace avvenuta tra gli amandolesi ed i sarnanesi nel 1586, come da incisione riportata in quella che era originariamente la sua campana, trasportata poi, nel 1857, nella Chiesa di San Michele Arcangelo nella frazione di Paterno. La chiesa fu terminata nel 1560 e dell’edificio originario, si possono ancora oggi vedere il refettorio ed il chiostro a due loggiati.

 Il terzo da Villa Piane-Taccarelli sempre ad Amandola per 4,7 km e un’ora e 20 di cammino.  Amandola è una città di origini medievali, caratterizzata dall’importante patrimonio storico ma anche ambientale, per la natura nella quale è incastonata, la meravigliosa vista verso le montagne selvagge, le valli e per il lago di San Ruffino, che la rendono ancora più straordinaria. Uno dei due percorsi di Amandola inizia dalla Frazione Taccarelli, da un’area adibita a parcheggio nei pressi di Villa Piane. La strada inizia asfaltata per il primo km, fino all’incrocio con la Frazione Vidoni, poi continua con una carrareccia fino ad incrociarsi con l’itinerario che da destra sale da Sarnano, per immettersi nuovamente sulla strada asfaltata e unirsi all’itinerario che sale da Casa Innamorati (Amandola). Superata l’area picnic nei pressi della chiesetta Madonna della Pace si percorrono gli ultimi 500 mt su prato e sterrato fino a giungere all’area concerto. Tutte le informazioni (mappe comprese) sono disponibili su https://risorgimarche.it/eventi/06-mengoni-2019/.

Il Comune di Sarnano si sta preparando per il grande evento e sta curando l’organizzazione nei minimi dettagli per la buona riuscita. Le attività commerciali per il DopoFestival di RisorgiMarche, rimarranno aperte fino alle ore 24, le attività ricettive proporranno menù tipici e degustazioni e i musei effettueranno una apertura straordinaria per concludere in bellezza la giornata. Per le vie del paese si potrà assistere a concerti e musica dal vivo. L’evento principale del Festival, in collaborazione con la struttura tecnica di RisorgiMarche, è stato curato per la prima volta con una splendida sinergia dalle due Amministrazioni comunali di Sarnano ed Amandola che in stretto contatto hanno lavorato per curare luoghi, viabilità, accessi e spazio food. Nota di merito di questa iniziativa, è sicuramente l’utilizzo di materiale interamente biodegradabile per l’intero evento. Infatti, dove si terrà l’esibizione, tutto il pubblico presente ed i partecipanti saranno serviti con materiale “plastic free” . Bicchieri, utensili e bottigliette d’acqua, tutto biodegradabile e ad impatto zero. L’importante iniziativa è stata organizzata e curata dalla nuova “Pro Loco Amandola” e dal “Movimento giovanile Sarnano”. Una scelta, quella dei Comuni di Amandola e di Sarnano, che di certo farà contento il protagonista di Risorgimarche, Marco Mengoni, che, ormai da diversi anni, è testimonial e sostenitore del “Plastic Free”. Grazie a questo importante gesto delle due Amministrazioni comunali e delle associazioni partecipanti, il festival diventerà ancora più solidale, non solo verso le comunità colpite dal sisma del 2016, ma anche verso l’ambiente. Un DopoFestival sempre pronto al sostegno delle comunità colpite dal sisma ed un’Amministrazione Comunale, insieme all’intero paese, che si distingue anche dal punto di vista ambientale ed ecosostenibile.

Marco Mengoni e Jovanotti, decine di migliaia di fan in arrivo: bagno di folla tra montagna e spiaggia

</

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X